Stonehenge

Coordinate: 51°10′43.84″N 1°49′34.28″W / 51.178844°N 1.826189°W

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Stonehenge, Avebury e siti associati
(EN) Stonehenge, Avebury, and Associated Sites
Avebury henge and village UK
TipoCulturali
Criterio(i) (ii) (iii)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1986
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

Stonehenge (pietra sospesa, da stone, pietra, ed henge, che deriva da hang, sospendere: in riferimento agli architravi) è un sito neolitico che si trova vicino ad Amesbury nello Wiltshire, Inghilterra, circa 13 chilometri a nord-ovest di Salisbury. È il più celebre ed imponente cromlech («circolo di pietra» in bretone):[1] composto da un insieme circolare di grosse pietre erette, conosciute come megaliti, talora sormontate da elementi orizzontali colossali.

Le pietre di Stonehenge devono il loro attuale allineamento ai lavori di ricostruzione nella prima metà del Novecento[2][3]:

(EN)

Virtually every stone was re-erected, straightened or embedded in concrete between 1901 and 1964,[...]

(IT)

Praticamente ogni pietra fu rieretta, raddrizzata o rinforzata con calcestruzzo tra il 1901 e il 1964, [...]

(Young, 2001)

Ipotizzando che l'attuale allineamento riproduca fedelmente il precedente, alcuni sostengono che Stonehenge rappresenti un "antico osservatorio astronomico", con un significato particolare ai punti di solstizio ed equinozio, anche se l'importanza del suo uso per tale scopo è dibattuta.

Il sito fu aggiunto alla lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1986.

Summer Solstice Sunrise over Stonehenge 2005
Stonehenge all'alba del solstizio d'estate (21 giugno 2005), con una folla di 19.000 persone che hanno aspettato l'alba tutta la notte

Oltre che meta del turismo di massa, Stonehenge è attualmente luogo di pellegrinaggio per molti seguaci del Celtismo, della Wicca e di altre religioni neopagane, e fu teatro di un festival musicale libero tra il 1972 e il 1984; nel 1985 tale festival fu bandito dal governo britannico a causa del violento confronto tra la polizia e alcuni partecipanti che divenne noto come la Battaglia di Beanfield.

Stonehenge
Stonehenge, Condado de Wiltshire, Inglaterra, 2014-08-12, DD 11
StileCromlech
Epocatra il 3100 a.C. e il 1600 a.C
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
ConteaWiltshire
Dimensioni
Larghezza33 m
Mappa di localizzazione

Descrizione

Stonehenge plan
Mappa del sito
Legenda:
1. La pietra dell'altare
2. Tumulo senza sepoltura
3. Tumulo senza sepoltura
4. La pietra del Sacrificio, lunga 4,9 m
5. La pietra del tallone (vedi sotto)
6. Due delle quattro originarie Pietre della Stazione
7. Sponda interna
8. Fossato
9. Sponda esterna
10. Il viale, una coppia di fossati e sponde paralleli che portano al fiume Avon a 3 km
11. Anello di 50 fosse chiamato i buchi Y
12. Anello di 30 fosse chiamato i buchi Z
13. Cerchio di 56 fosse, conosciuto come i buchi di Aubrey
14. Piccola entrata meridionale
  • La pietra dell'altare: un blocco di cinque metri di arenaria verde. Le pietre principali sono composte da una forma estremamente dura di arenaria silicea, che si trova naturalmente circa trenta chilometri più a nord, sulle Marlborough Downs. La struttura interna, conosciuta come "Bluestone Horseshoe" è costituita di pietre molto più piccole, che pesano in media quattro tonnellate. Queste pietre sono state estratte dalle Montagne Preseli, nel Galles sud-occidentale. Sono principalmente di dolorite ma comprendono esempi di riolite, arenaria e ceneri calcaree vulcaniche.
Heelstone
La pietra del tallone
  • La pietra del tallone un tempo conosciuta come Tallone del Frate (in inglese "Friar's Heel"). Un racconto popolare, che non può essere datato a prima del XVII secolo, spiega così le origini del nome di questa pietra:
Il diavolo comprò le pietre da una donna in Irlanda, le avvolse e le portò sulla piana di Salisbury. Una delle pietre cadde nel fiume Avon, le altre vennero portate sulla piana. Il diavolo allora gridò, "Nessuno scoprirà mai come queste pietre sono arrivate fin qui". Un frate rispose, "Questo è ciò che credi!", allora il diavolo lanciò una delle pietre contro il frate e lo colpì su un tallone. La pietra si incastrò nel terreno, e rimase così fino ai nostri giorni.

Primi riferimenti storici

Lo scrittore greco Diodoro Siculo ( I secolo a.C.) potrebbe fare riferimento a Stonehenge in un passo della sua Bibliotheca historica. Citando Ecateo di Abdera, uno storico del IV secolo e "certi altri", Diodoro dice che "in una terra oltre i Celti" (cioè la Gallia) c'è "un'isola non più piccola della Sicilia" nel mare del nord chiamata Hyperborea, chiamata così perché è al di là del luogo di origine del vento del nord o Borea. Gli abitanti di questo luogo principalmente adorano Apollo, e c'è "sia una magnifica zona sacra di Apollo sia un tempio notevole che è adornato con molte offerte votive ed è di forma sferica". Alcuni scrittori hanno suggerito che l'"Hyperborea" di Diodoro forse indica la Gran Bretagna e che il tempio di forma sferica può essere un primo riferimento iniziale di Stonehenge.

Uno storico locale ha asserito che "il recinto di Apollo" può riferirsi al campo vicino di Vespasiano. Tuttavia l'archeologo Aubrey Burl ha rilevato che altre parti della descrizione di Diodoro la rendono scarsamente adeguata a Stonehenge e al suo circondario. Diodoro dice anche che in quella zona Apollo (intendendo il sole o la luna) "sfiorava la terra ad un'altezza molto bassa". Tuttavia sia il sole sia la luna si muovono sempre molto al di sopra dell'orizzonte alla latitudine di Stronehenge ed è solo 500 miglia più a nord che essi appaiono vicino all'orizzonte.

Indagini scientifiche

Il primo studio per osservare e capire il monumento venne condotto intorno al 1640 da John Aubrey. Egli proclamò Stonehenge opera dei Druidi: questa idea fu grandemente diffusa da William Stukeley[4]. Aubrey realizzò inoltre i primi disegni con le misure del luogo, che consentirono una migliore analisi della sua forma e del suo significato. Grazie a questo lavoro, fu in grado di attribuire una funzione astronomica o di calendario alla disposizione delle pietre.

L'architetto John Wood intraprese la prima vera accurata indagine di Stonehenge nel 1740. Tuttavia l'interpretazione di Wood del monumento, considerato come un luogo di riti pagani, è stata fortemente criticata da Stukeley, che considerava i Druidi non come pagani, ma come patriarchi biblici. Le convinzioni di Stukeley subivano gli influssi di uno dei suoi maestri più illustri: Isaac Newton; quest'ultimo si occupò, seppur marginalmente, della disposizione delle pietre di Stonehenge che secondo lui avrebbe richiamato volutamente e per metafora la configurazione non geocentrica del sistema solare e la sua soggezione alle leggi di gravitazione (una concezione del tutto simile a quella di Filolao che prevedeva un fuoco sacro centrale) e si sarebbe inoltre ispirata al modello perfetto, e più antico, del tempio di Gerusalemme. Secondo Newton, quindi, i costruttori di Stonehenge, eredi diretti dei patriarchi biblici, sarebbero stati depositari di una conoscenza scientifica che egli stesso riteneva di aver soltanto riscoperto.[5] Prima della fine dell'Ottocento John Lubbock riuscì a far risalire il luogo all'età del bronzo, basandosi sul ritrovamento di oggetti di bronzo sulle colline vicine.

Datazione radiocarbonica

La datazione radiocarbonica del sito indica che la costruzione del monumento fu intrapresa intorno al 3100 a.C. e si concluse intorno al 1600 a.C. Ciò consente l'eliminazione di alcune teorie che erano state ipotizzate. La teoria secondo la quale i Druidi fossero forse stati gli artefici dell'opera è la più popolare; tuttavia la società dei Celti, che istituì il sacerdozio dei Druidi, si diffuse solamente dopo l'anno 300 a.C. Inoltre è improbabile che i Druidi avessero utilizzato il sito per i sacrifici, dal momento che eseguivano parte dei loro rituali nei boschi o in montagna, zone più adatte di un campo aperto per i "rituali della terra". Il fatto che i Romani giunsero per la prima volta sull'isola britannica quando Giulio Cesare guidò una spedizione nel 55 a.C., nega le teorie di Inigo Jones e di altri, secondo cui Stonehenge sarebbe stato costruito come un tempio romano.

Dispute

C'è dibattito circa l'età della costruzione, ma la maggior parte degli archeologi ritiene sia stato costruito tra il 2500 a.C. e il 2000 a.C. L'edificazione del terrapieno circolare e del fossato sono state datate al 3100 a.C.

Dall'inizio dell'Ottocento molte delle pietre cadute furono messe nella loro posizione attuale dagli ingegneri vittoriani. Secondo studi recenti i lavori di ristrutturazione si protrassero fino agli anni Settanta del Novecento[6][7], introducendo modifiche sostanziali nella disposizione originaria: Certo, ammettono gli archeologi dell'English Heritage, senza tutti questi lavori Stonehenge avrebbe un aspetto molto diverso. Pochissime pietre sono ancora esattamente nel posto dove furono erette millenni fa[8][9].

A tre chilometri di distanza da Stonehenge è stato ritrovato da ricercatori della National Geographic Society un villaggio risalente al 2600 a.C. composto da circa venticinque piccole case. Si ritiene che fossero utilizzate per ospitare i costruttori del complesso, o i visitatori di qualche cerimonia.[10]

Stonehenge vid midsommar 1700 f Kr, Nordisk familjebok
L'asse di Stonehenge è diretto verso la posizione del sole nel solstizio d'estate. Per tale motivo si pensa che si tratti di un osservatorio astronomico

Si crede che Stonehenge sia una sorta di osservatorio astronomico preistorico in quanto l'asse di Stonehenge è orientato in direzione dell'alba nei solstizi estivi, ma non invernali.

Teoria sulla costruzione

Stonehenge dot
Posizione geografica del sito archeologico di Stonehenge

Le pietre più grandi, in gneiss (dal peso di 25/50 tonnellate), furono tagliate da una collina distante 30 km dal sito archeologico, per essere probabilmente trasportate attraverso delle slitte che scivolavano su rulli in legno, tirate con corde di cuoio da decine di uomini[11].

Le pietre di dimensioni inferiori furono in parte estratte e tagliate in un sito distante 3 km[12] ed in parte in altre località, tra cui un sito in Galles ad una distanza di oltre 200 km[13].

Uno studio[14] pubblicato a giugno 2018 ha smentito il lavoro del geologo Herbert Henry Thomas che nel 1923, grazie anche alla propria notorietà ed influenza, riuscì a fare accettare alla comunità scientifica i siti precisi in cui le pietre furono reperite e come vennero trasportare in loco. La nuova ricerca suggerisce che esse furono trasportate non tramite il canale di Bristol come erroneamente supposto ma utilizzando strade interne e che la pietra dell'altare possa provenire da Senni Beds, una formazione di arenaria che si estende attraverso una parte del Galles fino all'Herefordshire nel Galles orientale.[15] Le ricerche di Thomas avrebbero influenzato per i decenni successivi gli studi effettuati sulla provenienza delle pietre del sito di Stonehenge.

Le pietre che costituivano gli elementi verticali venivano prima trascinate in corrispondenza di un foro sul terreno, quindi venivano fatte scivolare all'interno del foro con l'ausilio di un sistema di leva appoggiate a un "castello" di tronchi. La pietra veniva poi sistemata in verticale tirandola con delle funi, e il foro veniva riempito con sassi[13].

Una volta che erano state alzate le pietre verticali, si aggiungeva l'architrave alzandola poco alla volta attraverso la costruzione di un fasciame di legname e l'uso di leve[13].

Leggende

Stonehenge è associato alla leggenda di Re Artù: essa racconta che il mago Merlino volle la sua rimozione dall'Irlanda dove era stato costruito sul monte Killaraus, da Giganti che portarono le pietre dall'Africa. Dopo essere stato ricostruito vicino ad Amesbury, narra che, prima Uther Pendragon e poi Costantino III vennero seppelliti all'interno del cerchio di pietre.

Progetti che riguardano il sito

In anni più recenti, il sito di Stonehenge, sulla piana di Salisbury è stato influenzato dalla prossimità della strada A303, tra Amesbury e Stoke, e dalla A344. Nel passato un gran numero di progetti, compresi dei tunnel interrati, sono stati proposti per il sito, e l'English Heritage e il National Trust hanno fatto lunghe campagne per allontanare il percorso delle strade. Viceversa, la Highways Agency spinge per un allargamento della A303, causa i frequenti congestionamenti[16], la quale comunque presentò il 5 giugno 2003 un piano di massima per il cambiamento di 13 chilometri di strada a Stonehenge, compreso un tunnel di due chilometri che porterebbe la A303 sotto l'attuale tracciato.

Il 6 dicembre 2007 il ministro dei trasporti Tom Harris cancellò l'intero progetto causa il continuo incremento dei costi preventivati, nonché causa proteste di diversi studiosi ed enti di ricerca sulla pericolosità di scavare un così lungo tunnel in una zona ad alto interesse archeologico[17].

Mentre il tratto della A344 presso Stonehenge è stato definitivamente chiuso nel 2013[18], il progetto del tunnel di 2 chilometri sulla A303 è stato riproposto nel 2017 dal ministro dei trasporti Chris Grayling ed è oggetto di animate discussioni nella compagine politica britannica[19].

Repliche

Foamhenge1
Ingresso di una replica di Stonehenge

Esiste una replica a grandezza naturale di Stonehenge come sarebbe stato in origine, a Maryhill nello Stato di Washington, costruita da Sam Hill come memoriale di guerra. È persino allineata con l'alba di mezza estate, ma con la vera posizione del Sole sull'orizzonte virtuale, piuttosto che con la posizione apparente del sole sull'orizzonte reale.

Un'altra memorabile replica di Stonehenge appare nel film Spinal Tap.

Una Car-Henge è stata costruita esclusivamente con automobili vicino ad Alliance (Nebraska) dall'artista Jim Reinders nel 1987.

Libri e opere

Stonehenge 1441 drawing
Stonehenge in uno scritto del 1441

Sono numerosi gli studiosi, da archeologi a scrittori di pseudoscienza, che si sono a lungo dedicati a questo antico tempio. Si possono citare, a titolo di esempio, Stonehenge di R.J.C. Atkinson, che asserisce Non sappiamo che cosa sia e probabilmente non lo sapremo mai; The Stonehenge People e Prehistoric Avebury di Aubrey Burl; Stonehenge. Un paesaggio di pietre e di misteri di David Souden.

Un posto di rilievo fra gli scritti sulla presunta funzione di Stonehenge è sicuramente dovuto al noto astronomo sir Fred Hoyle il quale in un articolo su Nature del 30 luglio 1966 ipotizzò una funzione astronomica del monumento megalitico (Hoyle era convinto - in base a calcoli statistici - dell'origine extraterrestre della vita sul nostro pianeta). In tale articolo Hoyle proponeva un metodo secondo il quale tramite le buche di Aubrey sarebbe stato possibile prevedere tutte le eclissi solari entro certi limiti di accuratezza.

Su Stonehenge e i suoi miti sono anche basate innumerevoli opere di fantasia. Sul mistero della sua costruzione è stato scritto un romanzo (Stonehenge) di Bernard Cornwell, mentre nel romanzo Sarum di Edward Rutherfurd la costruzione del complesso megalitico ispira alcuni capitoli. Moltissimi sono i personaggi del fumetto che hanno fatto una capatina in quel mistico luogo: da Paperino (Paperino - Il papero del passato e del futuro di Don Rosa) a Corto Maltese, passando per Martin Mystère e Dylan Dog (n° 36 "Incubo di una notte di mezza estate") senza dimenticare Topolino, con molte avventure ambientate in quei dintorni, o Lara Croft nella versione a fumetti.

Riferimenti a Stonehenge sono presenti nelle serie televisive Doctor Who e Merlin. Stonehenge è infine lo scenario del drammatico finale di Tess dei d'Urbervilles, romanzo di Thomas Hardy.

Altri cerchi neolitici

Esistono vari cerchi neolitici analoghi a Stonehenge o datati approssimativamente nella stessa epoca. Tra di essi vi è il cosiddetto Cerchio di Brodgar nella Scozia settentrionale. Un sito circolare simile, ma risalente a circa il 4900 a.C., si trova a Goseck nella Sassonia-Anhalt in Germania. Un altro complesso, detto "Circolo calendariale" si trova presso il Museo nubiano di Assuan originariamente costruito a Nabta Playa e risulta essere più antico di Stonehenge di almeno mille anni [20]. In Italia sono presenti diversi circoli megalitici in Sardegna, come quello di Li Muri ad Arzachena e quello di Pranu Muttedu a Goni.

Galleria d'immagini

Stonehenge, Condado de Wiltshire, Inglaterra, 2014-08-12, DD 02
Stonehenge, Condado de Wiltshire, Inglaterra, 2014-08-12, DD 03
Stonehenge, Condado de Wiltshire, Inglaterra, 2014-08-12, DD 04
Stonehenge, Condado de Wiltshire, Inglaterra, 2014-08-12, DD 06
Stonehenge, Condado de Wiltshire, Inglaterra, 2014-08-12, DD 10
Stonehenge, Condado de Wiltshire, Inglaterra, 2014-08-12, DD 12
Stonehenge, Condado de Wiltshire, Inglaterra, 2014-08-12, DD 17
Summer Solstice Sunrise over Stonehenge 2005
Solstice Dawn at Stonehenge

Note

  1. ^ Dalla preistoria all'arte romana, 1, G. D'Anna, p. 8.
  2. ^ Hill, 2013.
  3. ^ Parisi, 2013.
  4. ^ Stukeley, 2018.
  5. ^ Miglietta, 2016, p. 74.
  6. ^ Jacob,2013.
  7. ^ Kaizen, 2001.
  8. ^ English Heritage, 2004.
  9. ^ Young, 2001.
  10. ^ CNN, 2007.
  11. ^ Arduino, 1990, p. 584.
  12. ^ Ghose, 2014.
  13. ^ a b c Arduino, 1990, p. 585.
  14. ^ (EN) Richard Bevins, Rob Ixer, Retracing the footsteps of H.H. Thomas: a review of his Stonehenge bluestone provenancing study, in Antiquity, vol. 92, nº 363, giugno 2018, DOI:10.15184/aqy.2018.10.
  15. ^ (EN) Laura Geggel, Famed British Geologist Was Spectacularly Wrong About Stonehenge, su livescience, 6 luglio 2018.
  16. ^ The Independent, 2013.
  17. ^ British Broacasting, 2007.
  18. ^ BBC News, 2013.
  19. ^ CNN, 2017.
  20. ^ Barca, 2006, p. 59.

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN137120591 · LCCN (ENsh85128337 · GND (DE4057736-3 · WorldCat Identities (EN137120591
Alliance (Nebraska)

Alliance è un comune (city) degli Stati Uniti d'America e capoluogo della contea di Box Butte nello Stato del Nebraska. La popolazione era di 8.491 abitanti al censimento del 2010. Si trova nella regione delle Grandi Pianure. Alliance è la sede di Carhenge, una replica di Stonehenge costruita con automobili, che si trova a nord della città.

Amesbury

Amesbury è una città nello Wiltshire, Inghilterra, otto miglia a nord di Salisbury e vicino a Stonehenge. Fu fondata nel 979 d.C., sebbene il sito fosse già stato occupato da un convento.

Indicata su una mappa del XVII secolo come "Ambersbury", si pensa che questa città abbia preso il suo nome da Ambrosio Aureliano, il leader della resistenza romano-britannica contro gli invasori anglosassoni nel V secolo. Amesbury viene anche associata con la leggenda di re Artù: sarebbe nel suo convento che si sarebbe ritirata la regina Ginevra dopo che il suo adulterio con Lancillotto era stato scoperto.

Un miglio più a ovest si trova una fortezza collinare dell'Età del ferro conosciuta come campo di Vespasiano (che prima di diventare imperatore aveva combattuto in quest'area dell'isola). Questo sito non è però mai stato oggetto di scavi archeologici.

Nel 2002, ad Amesbury è stata scoperta una tomba dell'Età del bronzo, la più ricca mai trovata in Britannia. I resti di due uomini scoperti nella sepoltura sembrerebbero riferirsi a due aristocratici, visto il ricco corredo di oltre 100 oggetti di valore trovati insieme ai corpi, tra cui orecchini d'oro, coltelli di rame e vasellame. Uno dei due uomini trovati nella tomba è conosciuto col nome di Arciere di Amesbury

La città nel 1672 ha dato i natali al letterato George Addison.

Archeoastronomia

L'archeoastronomia è una combinazione di studi astronomici e archeologici; rappresenta la conoscenza e comprensione che gli antichi abitanti della terra avevano dei fenomeni celesti, di come li hanno utilizzati ed interpretati e quale ruolo la "realtà" dei movimenti della volta celeste ha svolto all'interno delle loro culture.

Avebury

Ad Avebury, nella contea inglese dello Wiltshire, nei dintorni dell'omonimo villaggio, si trovano un grande henge e numerosi cerchi di pietre. Si tratta di uno dei monumenti neolitici europei meglio conservati ed è databile attorno a 5000 anni fa. È più antico del sito megalitico di Stonehenge, che si trova a circa 32 km a sud, anche se i due siti sono quasi contemporanei. Si trova approssimativamente a metà strada tra Marlborough e Calne, poco distante dalla A4 a nord della A361 verso Wroughton.

Avebury è di proprietà della National Trust.

Calçoene

Calçoene è un comune del Brasile nello Stato dell'Amapá, parte della mesoregione di Norte do Amapá e della microregione di Oiapoque.

Nelle vicinanze si trova un sito archeologico con megaliti, simile a Stonehenge.

Il territorio del municipio è parzialmente compreso nel parco nazionale di Capo Orange e ne costituisce il più facile punto di accesso.

Costantino III di Britannia

Costantino III appare nella lista dei leggendari sovrani della Britannia (odierna Inghilterra) riportata dalla Historia Regum Britanniae di Goffredo di Monmouth. Sarebbe stato figlio di Cador, duca di Cornovaglia, un parente di re Artù. Costantino combatté nella battaglia di Camlann e sembra essere stato uno dei pochi sopravvissuti. Mentre stava per essere trasportato ad Avalon, Artù lo nominò suo successore.

Geoffredo afferma che Costantino continuò ad avere problemi con i sassoni e coi due figli di Mordred, Melehan e Melou. Alla fine ebbe la meglio sui suoi nemici, ma sembra che abbia ucciso i due figli di Mordred in una chiesa. Per questo sacrilegio sarebbe stato fulminato da Dio e poi sepolto a Stonehenge, accanto a Uther Pendragon. Secondo le tradizioni gallesi, alla sua morte, il trono passò a Gwydre, il primogenito di Artù e della regina Ginevra, anche lui uno dei sopravvissuti di Camlann, ma che all'epoca della battaglia era troppo giovane per ricevere il trono.

Costantino compare anche nella Allitterazione della morte di Artù e nelle Morte di Artù di Thomas Malory come cugino e successore di Artù. Una tradizione lo identifica con Constantino re di Dumnonia che alla fine scelse la vita religiosa e divenne santo.

Cultura del Wessex

La cultura del Wessex è la principale cultura preistorica del centro e del sud della Gran Bretagna durante la prima età del Bronzo, fu originariamente definita dall'archeologo inglese Stuart Piggott nel 1938.

La cultura è legata sia alla cultura di Hilversum del sud dei Paesi Bassi, del Belgio e della Francia settentrionale, che alla cultura armoricana dei tumuli. Viene comunemente suddivisa in due fasi: Wessex I (2000-1650 a.C.) e Wessex II (1650-1400 a.C.). Wessex I è strettamente associata con la fase finale della costruzione e dell'utilizzo di Stonehenge.

Le genti di Wessex seppellivano i loro morti sotto i tumuli, prima inumandoli e poi, con il passare dei secoli cremandoli, spesso accompagnando i resti con ricchi corredi funerari. Sembra che abbiano avuto importanti rapporti commerciali con l'Europa continentale, importando ambra dal Baltico, gioielli dalla Germania, oro dalla Bretagna così come pugnali e perline dalla Grecia micenea. La ricchezza derivata da tale commercio permise alle genti di Wessex di costruire parte di Stonehenge e indica anche un'avanzata organizzazione sociale.

David Goodier

David Goodier (Stonehenge, 1954) è un bassista inglese.

Down by the Racetrack

Down by the Racetrack è il 13° extended play del gruppo musicale statunitense Guided by Voices, pubblicato nel 2013 negli Stati Uniti d'America dalla Guided By Voices Inc. in formato in vinile da 7 pollici e in CD.

English Heritage

English Heritage, prima conosciuto come Historic Building and Monuments Commission for England (fino al 1999), è un organismo pubblico inglese che si incarica della gestione del patrimonio culturale dell'Inghilterra. L'English Heritage si definisce come « il consigliere legale del governo sul patrimonio storico ». Dipende dal ministero della cultura, dei media e dello sport (DCMS).

Il suo ruolo principale è quello di gestire un gran numero di siti storici ed archeologici di primo piano, dalle vestigia preistoriche di Stonehenge al relativamente moderno Iron Bridge. Si occupa anche di conservare, registrare e proteggere il patrimonio storico, inoltre consiglia direttamente il segretario di stato sulla politica di conservazione e la classificazione dei vari monumenti. English Heritage possiede direttamente numerosi siti, ma collabora anche con proprietari ed associazioni minori; collabora frequentemente con il National Trust inglese.

English Heritage è stato fondato nel 1983, e conta nel 2010 oltre 400 siti sparsi nel paese. Dal 1999 al 2008 ha creato l'iniziativa Images of England, un progetto che ha raccolto 323.107 fotografie di tutti i siti appartenenti ai monumenti classificati di Gran Bretagna.

Chiunque può iscriversi ad English Heritage: l'adesione conferisce dei vantaggi come l'ingresso gratuito nelle sue proprietà, ma non dà ai membri nessun potere sulla gestione dell'organizzazione, che dipende dal governo (è infatti un'organizzazione pubblica non dipartimentale).

Flinders Petrie

Sir William Matthew Flinders Petrie (Charlton, 3 giugno 1853 – Gerusalemme, 28 luglio 1942) è stato un egittologo e archeologo britannico.

Georgia Guidestones

Il Georgia Guidestones è un monumento in granito sito nella contea di Elbert, in Georgia, Stati Uniti d'America. Su otto delle superfici maggiori è inciso un messaggio composto da dieci "regole", o consigli, in otto lingue moderne, una per ogni superficie.

La struttura, detta a volte la Stonehenge americana, è stata più volte oggetto di polemiche in quanto secondo alcuni su di esse vi sarebbero iscritti i principi sui quali si fonderebbe la teoria del complotto del Nuovo ordine mondiale.

Monumento classificato

Un Listed building, ovvero un Monumento classificato, nel Regno Unito è una costruzione riconosciuta e protetta per il suo aspetto storico, architetturale o culturale eccezionale. Un Listed Building (qui di seguito nominato «Monumento classificato») non può essere demolito, né può essere ingrandito o alterato senza un permesso speciale degli enti locali competenti in materia di urbanistica (che dipendono da Enti Nazionali, a cui si riferiscono per decidere le loro decisioni). I proprietari di costruzioni classificate, in alcune circostanze, sono obbligati a mantenere o riparare l'edificio, e rischiano una condanna penale se non lo fanno o se procedono a rinnovamenti e lavori diversi senza espressa autorizzazione. A causa di queste costrizioni per un luogo protetto, c'è una legge che autorizza i proprietari ad opporsi al fatto che il loro bene venga classificato.

Benché la maggior parte dei monumenti che appaiono nell'elenco dei monumenti classificati siano ponti, edifici, sculture e pietre miliari, strutture molto vecchie (Stonehenge ad esempio) non possono appartenervi, ma sono protette da altre leggi (Ancient Monuments and Archaeological Areas Act 1979 e National Heritage Act 1983) e classificate come Scheduled Ancient Monuments. Nello stesso modo, anche i paesaggi, i parchi, le foreste sono protetti, ma da altra normativa.

Richard Atkinson

Richard John Copland Atkinson (Evershot, 20 gennaio 1920 – Cardiff, 10 ottobre 1994) è stato un archeologo britannico.

Nacque nel Dorset e frequentò la Sherbourne School e quindi il Magdalen College a Oxford, con i corsi del PPE (Filosofia, politica ed economia).

Durante la seconda guerra mondiale, a causa della sua fede quacquera, servì in ruoli di non combattente. Nel 1944 divenne conservatore assistente di archeologia presso l'Ashmolean Museum di Oxford.

I siti archeologici da lui investigati comprendono Stonehenge, la collina di Silbury, West Kennet Long Barrow e Wayland's Smithy. Fu un amico e collaboratore di Stuart Piggott. Il suo lavoro su Silbury era parte di una serie documentaria per la BBC poi annullata. Nel 1949 divenne assistente presso l'Università di Edimburgo e nel 1958 si trasferì a Cardiff, nella cui Università del Galles (University of Wales) divenne il primo professore di archeologia. Restò a Cardiff fino al pensionamento nel 1983.

Nel 1978 fu artefice del ritrovamento dell'arciere di Stonehenge. Nel 1979 fu nominato Commander dell'Impero britannico (Order of the British Empire).

Atkinson fu celebre per i suoi contributi pratici alle tecniche archeologiche e per le sue soluzioni pragmatiche ai problemi che si presentavano nella pratica dello scavo e che sono elencate nel manuale intitolato Field Archaeology ("Archeologia sul campo").

Sistema trilitico

Un sistema trilitico o trilite (dal greco tri = tre + lithos = pietra) è una struttura formata da due elementi disposti in verticale (piedritti) e un terzo appoggiato orizzontalmente sopra di essi (architrave), a formare una sorta di porta. È una struttura coprente una minima luce.

Il trilite è una struttura architettonica semplice, piuttosto comune nei monumenti megalitici composti da tre elementi megalitici e venne usata soprattutto nel periodo Calcolitico. Il vantaggio è quello di generare forze spingenti solo verso il basso e quindi di non essere soggette a spinte laterali; gli svantaggi sono legati alla limitatezza della distanza tra i megaliti. L'architrave spinge il suo peso sui piedritti ed essi per sostenerlo lo scaricano sul suolo. Se la luce (lo spazio Tra i due piedritti) è troppo ampia l'architrave cede, per non sprofondare invece si mette la fondazione.

Fra gli esempi preistorici più celebri dove si trovano sistemi trilitici, si possono citare Stonehenge, i templi di Malta e la porta dei Leoni a Micene.

I Greci antichi usavano il sistema trilitico (lo preferivano all'arco, anche se talvolta utilizzavano anche quest'ultimo), per cui esso è alla base degli ordini architettonici classici, dove i sostegni verticali sono rappresentati dalla colonna (composta di base, fusto e capitello) e quello orizzontale dall'architrave.

Il sistema trilitico è uno dei sistemi costruttivi più antichi della storia.

Solstizio

Il solstizio (dal latino solstĭtĭum, composto da sōl, «Sole», e sistĕre, «fermarsi») è in astronomia il momento in cui il sole raggiunge, nel suo moto apparente lungo l'eclittica, il punto di declinazione massima o minima. Questo significa che il solstizio di estate e il solstizio di inverno rappresentano rispettivamente il dì più lungo e il più corto dell'anno. L'impressione del "fermarsi" del sole è dovuta al fatto che in corrispondenza dei solstizi la variazione della declinazione è molto lenta (lo si vede bene nell'analemma), a differenza degli equinozi in cui la variazione della declinazione è più significativa.Nel corso di un anno il solstizio ricorre due volte: il Sole raggiunge il valore massimo di declinazione positiva nel mese di giugno (segnando l'inizio dell'estate boreale e dell'inverno australe) e il valore massimo di declinazione negativa in dicembre (marcando l'inizio dell'inverno boreale e dell'estate australe).Il solstizio ritarda ogni anno di circa 6 ore rispetto all'anno precedente (più precisamente 5h 48min 46s) e si riallinea forzosamente ogni quattro anni in corrispondenza dell'anno bisestile, introdotto proprio per evitare la progressiva divergenza delle stagioni con il calendario. A causa di tali variazioni può capitare che i solstizi cadano il 20 o il 21 giugno oppure il 21 o il 22 dicembre.

Tempio di Menaidra

Il tempio di Menaidra (Mnajdra) è un sito archeologico preistorico, situato nelle vicinanze del tempio di Hagar-Qim, sull'isola di Malta.

Costruito attorno al III millennio a.C. è il più antico esempio di edificio costruito a secco (cioè senza malta), antecedente anche a Stonehenge e alle piramidi.

Come struttura è assimilabile al tipo cromlech, ma più complesso: lo schema è piuttosto simile ad un ferro di cavallo e i due cerchi che lo compongono formano una specie di navata laterale continua occupata da stanze con varia destinazione.

Menaidra è uno dei templi megalitici di Malta riconosciuti patrimonio dell'umanità dall'Unesco nel 1992.

Warp and Woof

Warp and Woof è il 28° album in studio del gruppo musicale statunitense Guided by Voices, pubblicato nel 2019. Originariamente pensato per essere un extended play, divenne poi un long playing. Precedentemente, fra il 2018 e il 2019, vennero pubblicati quattro extended play (Wine Cork Stonehenge, 100 Dougs, Umlaut Over the Özone e 1901 Acid Rock) che contenevano ciascuno una parte degli stessi brani che saranno poi presenti nel'LP. Dopo aver completato il precedente, Pollard aveva intenzione di realizzare alcuni EP ma ben presto il materiale risultò sufficiente per completare un LP; le varie tracce vennero registrate in posti diversi, anche non convenzionali, come il retro di un furgone in movimento e in camere d'albergo.

Wiltshire

Il Wiltshire (pronuncia [/ˈwɪltʃər] o [ˈwɪltʃɪər], in passato [ˈwɪlʃər], abbreviato Wilts) è una contea dell'Inghilterra sud-occidentale.

UNESCOPatrimoni dell'umanità nel Regno Unito

In altre lingue

This page is based on a Wikipedia article written by authors (here).
Text is available under the CC BY-SA 3.0 license; additional terms may apply.
Images, videos and audio are available under their respective licenses.