Otone

Marco Salvio Otone Cesare Augusto (in latino Marcus Salvius Otho Caesar Augustus;[6] nelle epigrafi: IMP•M•OTHO•CAESARAVGVST[7]; Ferento [8], 28 aprile 32[9]Brixellum [10], 16 aprile 69[11]), meglio conosciuto semplicemente come Otone,[12] è stato un imperatore romano, in carica per circa tre mesi[13] dal 15 gennaio del 69[4] alla sua morte, avvenuta nell'anno dei quattro imperatori.

Proveniente da una nobile famiglia etrusca, iniziò la sua vita pubblica sotto il principato dell'imperatore Nerone, del quale diventò intimo amico. Il rapporto fra i due si ruppe quando Otone rifiutò di divorziare dalla moglie Poppea, che Nerone voleva appunto sposare. Otone venne quindi mandato come governatore nella lontana Lusitania, dove amministrò la provincia per dieci anni. Nel 68 aiutò Galba a rovesciare Nerone e a prendere il potere imperiale, ma quando vide le sue speranze di essere designato erede andare in fumo, si rivoltò contro Galba e prese lui stesso il potere. Dopo pochi mesi di tranquillità e ordinaria amministrazione, iniziò una guerra con il ribelle Vitellio. Questi scese in Italia dalla Germania e sconfisse gli eserciti di Otone, che si suicidò per non far continuare i conflitti.

Otone
Otone scontornato png
Busto di Otone (Museo delle Scienze Naturali, Houston, Texas)
Nome originaleMarcus Salvius Otho (alla nascita)
Marcus Salvius Otho Caesar Augustus (dopo l'ascesa al potere imperiale)
Regno15 gennaio 69
16 aprile 69
Tribunicia potestas1 volta, per 4 mesi, al momento dell'assunzione del potere imperiale, nel 69[1]
Salutatio imperatoria1 volta, al momento dell'assunzione del potere imperiale, nel 69[2]
Nascita28 aprile 32
Ferentium
Morte16 aprile 69
Brixellum
PredecessoreGalba
SuccessoreVitellio
ConiugePoppea Sabina (58)
PadreLucio Salvio Otone
MadreAlbia Terenzia
Questuranel 57[3]
Consolato1 volta, al momento dell'assunzione del potere imperiale, nel 69[4]
Legatus Augusti pro praetoredal 58 al 68 in Lusitania[3]
Pontificato maxnel 69[5]

Le fonti storiografiche

La principale fonte storiografica antica su Otone sono le Storie di Tacito[14] che descrivono dettagliatamente la guerra civile del 68-69.[N 1] Altra importante fonte antica sono le Vite dei Cesari di Svetonio,[15] che parla anche della famiglia di origine, dell'aspetto e delle abitudini dell'imperatore. Altre fonti sono gli Annali di Tacito,[16] che lo citano durante il regno di Nerone, le Vite parallele di Plutarco[17] e la Storia romana di Cassio Dione.[18] Riferimenti a Otone vengono fatti da Aurelio Vittore,[19] Eutropio,[20] Plinio il Vecchio[21] e Giovenale.[22]

Biografia

Lucius Otho
Ritratto di Lucio Salvio Otone, padre dell'imperatore Otone (Promptuarii Iconum Insigniorum, Guillaume Rouillé)

Origini familiari

Otone apparteneva a un'antica e nobile famiglia etrusca residente a Ferentium (odierna Ferento), facente parte della gens Salvia.[23] Nacque con il nome di Marco Salvio Otone in onore del nonno, un senatore romano diventato pretore e primo membro della famiglia a entrare in Senato.[24] Sua bisnonna paterna era invece una certa Tizia, figlia di Lucio Tizio, sepolta a Ferento e morta nel 23 a.C.[25] Suoi genitori furono Lucio Salvio Otone, intimo amico di Tiberio,[26] e Albia Terenzia.[27] Aveva un fratello maggiore, Lucio Tiziano, e una sorella che da giovane fu promessa a Druso Cesare, figlio di Germanico.[8]

Giovinezza e carriera politica (32-68)

Nero 1
Busto di Nerone, imperatore e intimo amico di Otone con il quale litigò a causa di Poppea Sabina (Musei Capitolini, Roma)

Fu fin da piccolo prodigo e turbolento, tanto che il padre doveva spesso ricorrere alla frusta.[28] Quando il padre morì cercò di entrare nella corte imperiale e ci riuscì accattivandosi una vecchia liberta di cui si era finto innamorato.[28] Riuscì così a conoscere Nerone e divenne uno dei suoi più cari amici, probabilmente a causa delle loro similitudini caratteriali.[29][N 2] Otone e Nerone erano soliti fare scorrerie notturne per la città e fu proprio Otone che aiutò l'imperatore a coprire la sua storia amorosa con la liberta Claudia Atte, che non era approvata da Agrippina, madre di Nerone.[30]

Il giorno in cui Nerone prese la decisione di uccidere la madre, Otone ne era al corrente e in seguito il Principe gli chiese di prendere presso di sé Poppea, una sua amante che aveva strappato al marito.[31] Otone, però, si innamorò di lei, la sposò[32] e si rifiutò di rimandarla a Nerone.[33] Dopo minacce e appelli dell'imperatore, il matrimonio venne annullato e Otone, grazie all'intercessione di Seneca,[34] fu mandato con l'incarico di governatore nella remota provincia di Lusitania,[35] poiché Nerone non se la sentì di condannarlo a causa dei segreti che conosceva.[36][N 3] Avendo ricoperto Otone solamente la carica di questore, incarico assegnatogli l'anno precedente (57),[37] il governo della Lusitania era sia una promozione, poiché veniva di solito data agli ex pretori, sia un esilio.[38] Otone rimase quindi nella provincia occidentale dal 58 per i successivi dieci anni, sorprendendo tutti amministrando la Lusitania con una moderazione non comune a quel tempo.[3]

Ascesa al potere (68-69)

Stockholm - Antikengalerie 4 - Büste Kaiser Galba
Busto di Galba, predecessore di Otone al governo imperiale (Palazzo Reale, Stoccolma)

Nel 68 il governatore della Spagna Tarraconese, Servio Sulpicio Galba, si rivoltò contro Nerone[39] e Otone lo accompagnò a Roma, appoggiandolo e apparendo come il miglior generale nel suo seguito.[40] A questo poteva averlo spinto il risentimento per il trattamento che aveva ricevuto da Nerone, ma a tale motivazione certamente si aggiunge l'ambizione personale.[41] Nerone si suicidò il 9 giugno 68 e Galba venne acclamato imperatore dal Senato e dal popolo.[42] Otone si vide allora già sul trono, poiché Galba non aveva figli ed era avanti negli anni: essendo appoggiato dai soldati, dalla corte di Nerone,[43] e incoraggiato anche dalle predizioni degli astrologi, Otone aspirava a essere adottato da Galba per succedergli.[44] Otone fu appoggiato da Tito Vinio, amico del giovane e forse suo promesso suocero, dato che Otone aveva intenzione di sposarne la figlia Crispina, mentre gli si opponevano Cornelio Lacone e Icelo Marciano;[N 4] vedendo l'esitazione dell'imperatore, che considerava anche Gneo Cornelio Dolabella per l'adozione, Otone iniziò quindi a ingraziarsi i pretoriani con premi in denaro e favori.[45]

Oth001
Busto di Otone (Musei Capitolini, Roma)

Fu il 10 gennaio del 69 che le sue speranze furono raffreddate dall'adozione formale da parte di Galba di Lucio Calpurnio Pisone Liciniano:[46] Galba infatti conosceva Otone e voleva avere un successore più degno e meritevole della sua posizione, non volendo lasciare l'impero in mano a una persona molto simile a colui a cui l'aveva strappato.[47] Non rimaneva a Otone che incassare il colpo; disperato per lo stato delle sue finanze,[48] rovinate a causa delle sue precedenti stravaganze, trovò comunque il danaro per pagare i servizi di dieci pretoriani estorcendoli a un funzionario imperiale:[49] diede a ognuno un anticipo di diecimila sesterzi e ne promise altri cinquantamila.[49] I soldati non assoldarono nessun altro, poiché erano convinti che i loro camerati si sarebbero uniti alla congiura sul momento, visto lo scontento crescente verso Galba.[50]

La sera del 14 gennaio, solo quattro giorni dopo l'adozione di Pisone, Otone era preparato a far uccidere Galba nei Palazzi imperiali del Palatino subito dopo la cena, ma decise di rinviare l'azione per paura di inimicarsi la coorte che era di guardia, la stessa che aveva assistito agli assassinii di Caligola e Nerone.[51] Il giorno seguente presentò i suoi omaggi all'imperatore, assistette ai sacrifici presso il tempio di Apollo e all'orazione dell'aruspice,[51] quindi si accomiatò da Galba con la scusa di dover vedere una nuova casa da comprare o di sentirsi male e, attraverso un lungo giro che toccò la Domus Tiberiana e il Velabro,[52] si recò presso il Miliario aureo nel Foro dove lo attendevano i suoi complici.[51][N 5] Egli quindi fu scortato al campo dei pretoriani, dove fu acclamato imperatore dalla folla,[51] fu sollevato sulle spalle dei soldati e posto sulla statua d'oro di Galba.[53][N 6]

Intanto Galba, che aveva ricevuto la notizia del tentativo di colpo di Stato in maniera confusa, aveva inviato guardie per tutta la città.[54] Fu raggiunto però da una nuova voce che diceva che Otone era stato ucciso dai pretoriani,[55] quindi scese dal Palatino e andò nel Foro.[56] Pisone, che aveva anche lui ricevuto delle notizie sull'accaduto, si precipitò nel Foro per stare con il padre:[57] la folla li circondò e i cavalieri congiurati li trucidarono sul bordo del Lacus Curtius.[58][N 7] Il corpo di Galba fu fatto a pezzi dai soldati e dal popolo.[59][N 8] Come immediata conseguenza, furono nominati i nuovi prefetti: il pretorio fu assegnato a Plozio Firmo e Licinio Proculo,[60] mentre Flavio Sabino diventò prefetto della città.[61]

Quella stessa sera, Otone ricevette l'investitura dai senatori con il nome di "Augusto", la potestà tribunizia e altre dignità appartenenti all'imperatore.[62] Otone dovette il suo successo al risentimento covato dai pretoriani[N 9] e dal resto dell'esercito per il rifiuto di Galba di pagare le somme promesse a chi aveva supportato la sua ascesa al trono;[63] inoltre la popolazione della città non gradiva Galba e rimpiangeva la memoria di Nerone.[64]

Arte classicista, busto di ottone, XVI-XVII sec 02
Busto marmoreo di Otone (Palazzo Medici Riccardi, Firenze)

Il breve principato (69)

Otone: aureo[65]
Aureus Othonis RIC15
IMP M OTHO CAESAR AVG TR P (Imperatore Marco Otone Cesare Augusto, Potestà Tribunizia), testa di Otone verso destra; VICTORIA OTHONIS (Vittoria di Otone), la Vittoria drappeggiata regge una palma sulla spalla sinistra.
7.35 g, (zecca di Roma antica); coniato nel 69 da Otone.

I primi mesi (gennaio-febbraio)

Il popolo iniziò a chiamarlo con il soprannome "Nerone", in virtù dell'antica amicizia con il vecchio imperatore; Otone cercò quindi di risollevare l'immagine dell'ultimo giulio-claudio: fece nuovamente installare statue di Nerone e di sua moglie Poppea,[66] vennero richiamati a servizio i suoi liberti e la sua servitù e, con lo stanziamento di 50 milioni di sesterzi, fu annunciata l'intenzione di completare la Domus Aurea.[67][N 10] Questa azione aveva principalmente lo scopo di creare nuovi posti di lavoro e di ingraziarsi la plebe, favorevole a Nerone, che era messa in agitazione dalla scarsità delle riserve di grano, accentuata dalla presenza in città di alcune decine di migliaia di soldati, e, più avanti, dall'esondazione del Tevere che fu seguita dal crollo del ponte Sublicio e da vari allagamenti.[68][N 11] Agendo in questo modo, però, Otone si rese ostile al Senato, che si era chiaramente opposto a Nerone e presso il quale la sua posizione era invisa, data la violenta presa del potere.[69] Tuttavia i timori dei più sobri e rispettabili cittadini furono dissipati dalle dichiarazioni di Otone sulle sue intenzioni di governare con giustizia e dal suo clemente giudizio nei riguardi di Aulo Mario Celso, console designato e devoto seguace di Galba.[70]

Otone, nei giorni che seguirono il bagno di sangue avvenuto nel Foro, apparve sconvolto dall'accaduto, riusciva a malapena a dormire[71] e si pentiva di aver ucciso Galba, rincuorandosi però ricordando che così aveva posto fine a una guerra civile.[72] Otone iniziò a governare con giudizio, cercando intanto di guadagnare anche il favore di parte del Senato assegnando a vari membri cariche sacerdotali,[73] ma la sua politica venne interrotta dopo pochi giorni da una notizia dalla Germania: le legioni del Reno avevano elevato a imperatore il loro generale, Aulo Vitellio.[74] Il Senato inviò allora una delegazione a nord per informare Vitellio che era già stato eletto un imperatore e quindi di calmare le sue truppe;[75] Otone, invece, per mezzo di un suo messo personale chiese a Vitellio di affiancarlo nel governo dell'Impero e di diventare suo genero.[75]

Dopo qualche giorno - durante i quali, dopo uno scambio di lettere contenenti promesse reciproche di vantaggi, sembrava di essere quasi giunti a un accordo[N 12] - i due imperatori ruppero i legami e Otone richiamò tutti gli ambasciatori imperiali della Germania.[76] Otone inviò allora delle delegazioni in Germania Magna, alla legione Italica e a Lugdunum, facendo finta che fossero dietro ordini del Senato; tuttavia aveva inviato allo stesso tempo dei pretoriani e questi, stando direttamente agli ordini dei Otone, vennero subito rimandati a Roma prima che potessero parlare con i soldati.[76] I due imperatori mandarono sicari l'uno contro l'altro e Vitellio arrivò a scrivere una lettera con minacce di morte a Tiziano, fratello di Otone, e al figlio Lucio Cocceiano.[77]

A dare nuova speranza a Otone fu la notizia che altre province si erano schierate a suo favore, giurandogli fedeltà: la Dalmazia, la Pannonia e la Mesia a nord, la Spagna a ovest, la Giudea di Tito Flavio Vespasiano e tutte le province asiatiche a est, l'Egitto e l'Africa, tenuta dal proconsole Gaio Vipstano Aproniano, a sud.[78] Le province della Gallia (Aquitania e Provenza) si schierarono invece con Vitellio.[79]

Pseudo-Vitellius Louvre MR684
Presunto busto di Vitellio, avversario di Otone e imperatore dopo di lui (Museo del Louvre, Parigi)

Otone, superate le difficoltà iniziali, governò l'impero come in tempi di pace:[80] inviò molte famiglie nelle colonie spagnole di Hispalis ed Emerita, diede la cittadinanza romana ai Lingoni (un popolo gallico), diede le città dei Mauri alla Betica, emanò una nuova legislazione per le provincie di Cappadocia e Africa.[81] Inoltre ottenne un successo militare quando novemila cavalieri Roxolani invasero la Mesia e furono sconfitti dal legato Marco Aponio Saturnino, che li ricacciò indietro; per questa impresa Aponio ebbe una statua trionfale a Roma.[82] Nei primi giorni di marzo, a Ostia scoppiò anche una confusionaria rivolta, che in una notte vide schierati i Centurioni, i Senatori armati e i pretoriani.[83] Solo quando i pretoriani videro Otone al sicuro e ascoltarono il suo discorso che li richiamava all'ubbidienza[84] si calmarono e la sollevazione immediatamente finì.[75]

La guerra con Vitellio (marzo-aprile)

La guerra con Vitellio era, però, ormai inevitabile e le armate dalla Germania erano già arrivate sulle Alpi.[85] Otone decise quindi di organizzare un esercito e diede grandi poteri al prefetto del pretorio Licinio Proculo.[86] Il 14 marzo l'imperatore, spaventato da prodigi e presagi negativi,[75] partì verso il Nord alla testa delle sue truppe, per impedire all'esercito di Vitellio di entrare in Italia.[87] Lasciò quindi il governo dell'impero in mano al fratello, Lucio Tiziano.[87] L'esercito che lasciò Roma, la Legio I Adiutrix, cinque coorti pretoriane e altri duemila soldati, era pronto a unirsi alle quattro legioni provenienti dalla Pannonia e dalla Dalmazia, la Legio VII Gemina, XI Claudia, XIII Gemina e XIV Gemina.[88]

Otone non affrontò mai la battaglia, ma restò a Brescello[89] e inviò il generale Trebonio Gallo per prendere le rive del Po e scacciare il generale vitelliano Aulo Cecina Alieno.[90] Intanto la flotta dell'imperatore avanzava da Roma, conquistò in breve tempo tutte le coste italiane, e arrivò in Gallia Narbonense sotto il comando di Svedio Clemente,[91] Antonio Novello[92] ed Emilio Pacense.[93] I comandanti della flotta otoniana, però, saccheggiarono e bruciarono le terre ed i villaggi che incontravano[94] e per questo gli abitanti delle Alpi, sotto il comando del procuratore Mario Maturo, si rivoltarono contro Clemente; la rivolta fu però duramente repressa.[93]

Intanto era sceso in Italia, con il comando dell'esercito di Vitellio, il generale Fabio Valente; questi mandò nella Narbonense il generale Giulio Classico per contrastare l'avanzata di Clemente.[95] I due eserciti si scontrarono a Forum Iulii, nell'odierna Provenza. La battaglia fu vinta dagli otoniani, ma le perdite furono così importanti che entrambi gli eserciti si ritirarono, i vitelliani ad Antibo e gli otoniani ad Albenga.[96] Questa vittoria si ripercosse sulla vicina isola della Corsica, dove comandava il procuratore Decimo Pacario: questi odiava Otone, ma il popolo era spaventato dalla vicinanza della flotta di Clemente e quindi uccise Pacario, portandone la testa all'imperatore.[97]

Intanto, nella Cisalpina, il vitelliano Aulo Cecina Alieno condusse un esercito nella Pianura Padana e in breve tempo fu padrone del Po e delle sue rive.[98] L'unica città rimasta fedele a Otone era Piacenza, sotto il comando di Vestricio Spurinna.[99] Cecina allora pose il campo sulle rive settentrionali del fiume, mentre Spurinna faceva fortificare tutta la città.[100] Il giorno seguente i vitelliani attraversarono il Po e iniziarono l'assedio, sperando in una facile vittoria.[101] Le truppe di Cecina furono però respinte grazie al comando di Spurinna[102] e il generale fu costretto ad attraversare nuovamente il Po e fuggire nella città di Cremona.[103]

L'otoniano Trebonio Gallo, che andava in soccorso di Piacenza con la I legione,[104] fu avvertito della ritirata di Cecina.[105] Decise allora di andare incontro al nemico, ma a Cremona era già in atto una battaglia tra Cecina e Marzio Macro, che, passato il Po con dei gladiatori, aveva attaccato i vitelliani scacciandoli dalla città.[105] I comandanti dell'armata di Otone (Trebonio Gallo, Gaio Svetonio Paolino e Mario Celso[106]), iniziarono ad essere visti con sospetto alla corte dell'imperatore poiché non avevano inseguito l'esercito di Cecina in fuga e quindi fu inviato Lucio Tiziano per prendere il comando come Generale della guerra.[105] Poiché Fabio Valente stava avvicinandosi all'esercito di Cecina, quest'ultimo, che non voleva presentarsi sconfitto, decise di attaccare l'esercito nemico presso il Locus Castorum, a dodici miglia da Cremona:[107] anche in questo scontro Cecina venne sconfitto e si ritirò presso l'armata di Valente.[108]

Camera picta, cesari, otone 01
Dipinto raffigurante Otone (Camera degli Sposi, Mantova)

A questo punto Otone ordinò di convocare un consiglio di guerra per decidere il da farsi; a fare il punto della situazione fu Svetonio Paolino, ritenuto il più capace dei militari, e questi sostenne che l'impazienza avrebbe giocato a favore dei nemici dell'imperatore, mentre sarebbe stato meglio attendere.[109] Paolino ricordò che l'armata di Vitellio era al completo, ma Otone controllava l'Oriente, l'Italia e Roma e quindi suggerì di aspettare l'arrivo della XIV legione per schiacciare definitivamente il nemico.[110] Anche Mario Celso e Trebonio Gallo si dissero favorevoli alla proposta di Paolino, mentre Otone era propenso ad ingaggiare immediatamente la battaglia,[111] sostenuto dal fratello Tiziano e dal prefetto del pretorio Proculo che dicevano di avere il favore degli dei.[112]

Nessuno osò opporsi, ma si decise che almeno l'imperatore sarebbe dovuto rimanere dietro le linee di difesa, a Brescello.[112] Questa decisione causò ulteriore malcontento tra i soldati, che vedevano l'imperatore allontanarsi e lasciarli in mano a dei generali dei quali non si fidavano.[112] Intanto era scoppiata un'altra battaglia sulle rive del Po, poiché i vitelliani lo avevano attraversato con un ponte di barche.[113] Durante lo scontro fu ucciso Marzio Macro, il comandante dei gladiatori otoniani,[114] trafitto da un giavellotto.[115] Sul luogo della battaglia arrivarono anche Vestricio Spurinna con le sue coorti e Flavio Sabino, che prese il posto di Macro.[115]

Intanto Otone rimaneva a Brescello, con l'esercito sul punto della rivolta. Anche la guida delle truppe era confusa: il poco esperto Tiziano aveva il comando formale, ma di fatto l'esercito era in mano al prefetto Proculo, mentre Celso e Paolino non riuscivano più a contenere il malcontento dei soldati.[116] Questi ultimi, però, erano ormai in marcia verso il nemico e lo raggiunsero nei pressi di Bedriaco, dove Valente aveva già dato il segnale di battaglia.[117] Gli otoniani ingaggiarono il nemico, giungendo al campo vitelliano dove divampò feroce la battaglia.[118] Davanti al numero e alla forza delle schiere avversarie, i comandanti otoniani fuggirono e, dopo una breve resistenza di Cecina e Valente, l'esercito dell'imperatore venne finalmente messo in fuga.[119] Quando la notizia dell'esito della battaglia raggiunse il campo, Otone rifiutò di far chiamare le altre legioni da Aquileia, perché non voleva che si continuasse a combattere.[120]

Imperador Oto - Louvre - 69 aC
Statua dell'imperatore Otone (Museo del Louvre, Parigi)

Morte e successione (69)

Esporre più a lungo ai pericoli questa vostra devozione, questo vostro valore, è, ritengo, un prezzo troppo alto per la mia vita. Tanto più grande è la speranza che mi offrite, qualora volessi vivere, tanto più bella sarà la morte. Io e la fortuna ci siamo misurati reciprocamente. Non calcolate la durata: è più difficile usare moderazione nella felicità, quando si sa che il suo tempo è breve. La guerra civile è stata aperta da Vitellio, quello è l'inizio della contesa in armi per il principato: voglio costituire un esempio, perché non si combatta per esso più di una volta. Da tale esempio giudichino i posteri Otone. Abbia Vitellio la gioia del fratello, della moglie, dei figli: non ho bisogno né di vendette né di conforti. Se altri hanno tenuto più a lungo di me l'impero, nessuno l'avrà lasciato con maggiore forza d'animo. O dovrò accettare che tanta gioventù romana, tanti meravigliosi eserciti siano ancora una volta falciati a terra e strappati allo stato? Lasciate ch'io vada sapendo che sareste morti per me, ma siete vivi. Non ritardiamo più oltre, io la vostra incolumità, voi la mia inflessibile decisione. Un lungo discorso d'addio è una parte di viltà. A prova suprema della mia determinazione, sappiate che non mi lamento di nessuno: prendersela con gli dèi o con gli uomini è gesto di chi vuol vivere.

(Otone da Tacito, Historiae, II, 47)
Vespasiano, 80 dc ca, s.n.
Busto di Vespasiano, prima sostenitore di Otone e, dopo la sua morte, imperatore rivale di Vitellio (Museo archeologico nazionale, Napoli)

Con questo solenne discorso, Otone consolò chi gli era intorno, mentre dava mance ai suoi soldati e ai suoi servi.[121] Si ritirò poi nella sua tenda e bruciò le sue lettere personali perché non finissero in mano al nemico, scrisse due lettere, una alla sorella e una a Statilia Messalina,[122] con la quale voleva sposarsi, ma che lo aveva rifiutato.[123] Si mise poi a riposare portando a letto con sé due pugnali, dormì tutta la notte e al suo risveglio si trafisse il fianco:[124] ai primi gemiti i suoi attendenti accorsero al suo capezzale, ma Otone spirò in poco tempo.[124][N 13] Fu seppellito modestamente subito dopo la morte, come da sue disposizioni.[125]

Morì nel suo trentasettesimo anno di età, dopo un breve regno di circa tre mesi, e la sua morte fu tanto lodata quanto la sua vita criticata; infatti se non visse meglio di Nerone, morì in modo più nobile.

(PlutarcoOtone, XVIII)

Tacito, come molti altri storici antichi, ne lodò l'eroicità nel morire: con la sua morte, Otone avrebbe desiderato porre fine alla guerra civile che fin troppe vittime romane aveva mietuto.[126][N 14] Fu così amato dalle sue truppe che molti dei suoi soldati, dopo averlo sepolto, si uccisero a loro volta.[127] Ma il suo sacrificio si rivelò vano, dato che il principato di Vitellio fu nuovamente scosso dalla rivolta del governatore della Giudea, Tito Flavio Vespasiano.[128][N 15]

Otone nella cultura di massa

Otone è il protagonista della tragedia del francese Pierre Corneille Othon, rappresentata per la prima volta nel 1664: in quest'opera Corneille rappresenta Otone come il monarca ideale, il cui passato è stato una conseguenza della depravazione di Nerone, e lo abbellisce per paragonarlo al giovane re di Francia della sua epoca, Luigi XIV.[129]

Otone è anche il personaggio principale del dramma per musica Ottone in villa di Antonio Vivaldi, rappresentato per la prima volta nel 1713; questa opera è considerata il primo lavoro teatrale del celeberrimo compositore.[130] Appare anche nell'incoronazione di Poppea di Claudio Monteverdi (1642) e nell'Agrippina di Georg Friedrich Händel (1709), entrambe opere liriche.[131] Otone è presente inoltre nel film muto Nero (1922), considerato perduto,[132] e nel poema epico medievale inglese Siege of Jerusalem.[133]

Note

Esplicative
  1. ^ Alcuni studiosi moderni hanno ravvisato una certa ostilità da parte di Tacito nei confronti di Otone, che lo storico tende a mettere in cattiva luce: si vedano in particolare Shochat 1981, che ritiene che Tacito si sia inserito in una tradizione preesistente ostile a Otone (pp. 376-377), e Perkins 1993.
  2. ^ Tacito, Historiae, I, 13, sostiene che Otone entrò nei favori di Nerone poiché ne imitava il comportamento.
  3. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, III cita un distico che circolava a proposito della punizione toccata a Otone: "Cur Otho mentito sit, quaeritis, exul honore? / Uxoris moerus coeperat esse suae." ("Chiedete perché Otone sia in esilio con un falso onore? / Cominciava a essere l'amante di sua moglie").
  4. ^ Questi tre (Vinio, Lacone e Icelo), formavano insieme a Aulo Mario Celso e Aulo Ducenio Gemino, il cosiddetto concilium principis, un gruppo informale dei più fidato consiglieri dell'imperatore (Morgan 2005, pp. 60-61).
  5. ^ Il motivo per cui Otone compì un lungo percorso per raggiungere il Foro non è stato chiarito. Secondo Fraser 2007, pp. 624-631, il brano mostra un certo disprezzo di Otone per Roma: egli avrebbe passeggiato per la città come fosse un acquirente in visita alle sue future proprietà, poiché nel giro di poche ore sarebbe diventato imperatore.
  6. ^ Tacito, Historiae, I, 37, descrive il rapporto tra Otone e i soldati come una sorta di simbiosi. Nel discorso ai soldati seguito alla proclamazione, Otone avrebbe affermato: "Adeo manifestum est neque perire nos neque salvos esse nisi una posse" ("È chiaro che non possiamo morire né essere al sicuro se non insieme"). Si veda anche Keitel 1987, p. 74.
  7. ^ Roche 2008, p. 109, rileva che soprattutto Tacito mette in risalto le crudeltà della presa del potere, forse amplificandole; nota, inoltre, che solo due persone furono uccise senza l'approvazione diretta di Otone: Tito Vinio e Sempronio Denso.
  8. ^ Svetonio, Vite dei CesariVitellio, X parla dell'esistenza di lettere scritte dai pretoriani a Otone con le quali chiedevano una ricompensa per il ruolo svolto nell'uccisione di Galba; per questo Vitellio, ottenuto il potere a seguito della morte di Otone, ne fece giustiziare centoventi.
  9. ^ Sulla fedeltà dei pretoriani a Otone, che risaliva alla marcia dalla Spagna nel 68, si veda Roche 2008, pp. 121-122.
  10. ^ Roche 2008, p. 113, rileva che anche l'iconografia di Otone tendeva a ricalcare quella di Nerone, specialmente sulle monete, dove era raffigurato con i capelli riccioli, similmente a Nerone.
  11. ^ Shotter 1996, p. 384, rileva che per rassicurare la popolazione sulle scorte di grano l'imperatore fece coniare delle monete recanti la scritta CERES AVG, con riferimento alla dea delle messi. Sempre allo scopo di essere gradito al popolo, Otone si faceva vedere ai teatri, ma secondo Tacito tutto questo era falso ed esagerato (Tacito, Historiae, I, 90; cfr. Roche 2008, p. 117).
  12. ^ Tacito, Historiae, I, 74, riferisce che Otone promise a Vitellio, in cambio del ritiro, denaro e la possibilità di scegliere un posto dove trascorrere il resto della vita; Cassio Dione, LXIV, 10 riferisce che Otone promise di condividere il regno con Vitellio, notizia confermata da Svetonio, Vite dei CesariOtone, VIII, secondo il quale Otone gli promise anche che ne avrebbe sposato la figlia. Il tono delle lettere, inizialmente conciliante, diventò presto offensivo: entrambi si accusarono di dissolutezze, a ragione secondo Tacito.
  13. ^ Il pugnale con cui si uccise fu mandato da Vitellio a Colonia Agrippina perché fosse dedicato a Marte (Svetonio, Vite dei CesariVitellio, X).
  14. ^ Harris 1962, pp. 73-75, rileva che il suicidio di Otone per il bene dello stato rappresenta un'applicazione della dottrina stoica, sebbene l'imperatore non aderisse a questa filosofia.
  15. ^ Una giustificazione di questa rivolta fu una presunta lettera (ritenuta falsa dalla critica moderna) scritta dall'imperatore Otone, ormai morente, a Vespasiano per chiedergli supporto contro Vitellio (Svetonio, Vite dei CesariVespasiano, VI); Vespasiano riuscì così a ottenere il sostegno delle legioni in precedenza fedeli a Otone nella lotta contro Vitellio. Su questi aspetti si veda Ferrill 1965.
Riferimenti
  1. ^ Tacito, Historiae, I, 47; CIL VI, 2051.
  2. ^ Tacito, Historiae, I, 36; CIL IV, 1279.
  3. ^ a b c Svetonio, Vite dei CesariOtone, III; Tacito, Annales, XIII, 46; Tacito, Historiae, I, 13; Morgan 2005, p. 37.
  4. ^ a b CIL VI, 2051.
  5. ^ CIL VI, 2051; Schumacher 2006, pp. 182-183
  6. ^ /ˈmar.kʊs ˈsaːl.vɪ.ʊs ˈɔtʰ.ɔ ˈkɐɛ̯.sar ɐʊ̯ˈɡuːs.tʊs/ (pronuncia restituta), /ˈmar.kus ˈsal.vjus ˈɔto ˈtʃɛ.zar awˈɡus.tus/ (pronuncia ecclesiastica).
  7. ^ Testo per esteso dell'epigrafe: Imperator Marcus Otho Caesar Augustus (CIL VI, 2051).
  8. ^ a b Svetonio, Vite dei CesariOtone, I.
  9. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, II; Morgan 2005, p. 36.
  10. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, IX.
  11. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, XI.
  12. ^ Imperator Otho
  13. ^ Hooper 1979, p. 394.
  14. ^ Tacito, Historiae.
  15. ^ Svetonio, Vite dei Cesari.
  16. ^ Tacito, Annales.
  17. ^ Plutarco.
  18. ^ Cassio Dione.
  19. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, VII; Aurelio Vittore, Epitome, VII.
  20. ^ Eutropio, Breviarium ab Urbe Condita, VII, 17.
  21. ^ Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, XIII, 22.
  22. ^ Giovenale, Satire, II, 99-109.
  23. ^ Aurelio Vittore, Epitome, VII, 1; Svetonio, Vite dei CesariOtone, I; Morgan 2005, p. 36.
  24. ^ Garzetti 1974, p. 203.
  25. ^ AE 1947, 12; Bispham 2007, p. 278, n. 203.
  26. ^ Syme 1993, p. 169.
  27. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, I; Morgan 2005, p. 36.
  28. ^ a b Svetonio, Vite dei CesariOtone, II.
  29. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, VII, 1; Cassio Dione, LXI, 11.2; Svetonio, Vite dei CesariOtone, II; Fini 1994, p. 113.
  30. ^ Fini 1994, p. 114; Morgan 2005, p. 37.
  31. ^ Cassio Dione, LXI, 11.2; Svetonio, Vite dei CesariOtone, III; Sampoli 2003, p. 236.
  32. ^ Bunson 2009, p. 11.
  33. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, III; Tacito, Annales, XIII, 45-46; ; Morgan 2005, p. 37.
  34. ^ PlutarcoGalba, XX; Shochat 1981, p. 367.
  35. ^ Fini 1994, p. 142; ; Morgan 2005, p. 37.
  36. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, III; Tacito, Annales, XIII, 46; Tacito, Historiae, I, 13; Sampoli 2003, p. 242; Wellesley 2002, p. 5.
  37. ^ Griffin 2002, p. 158; Murison 1993, p. 132.
  38. ^ Morgan 2005, p. 37.
  39. ^ Svetonio, Vite dei CesariGalba, IX.
  40. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, IV; Tacito, Historiae, I, 13; Morgan 2005, p. 37.
  41. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, IV.
  42. ^ Svetonio, Vite dei CesariGalba, XI.
  43. ^ Tacito, Historiae, I, 13.
  44. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, IV-V.
  45. ^ Tacito, Historiae, I, 13; Morgan 2005, pp. 58-59.
  46. ^ Cassio Dione, LXIV, 5.1; Svetonio, Vite dei CesariOtone, V; Svetonio, Vite dei CesariGalba, XVII; Tacito, Historiae, I, 15; Bunson 2009, p. 227; Morgan 2005, p. 60.
  47. ^ Morgan 2005, p. 58.
  48. ^ Tacito, Historiae, I, 21.
  49. ^ a b Svetonio, Vite dei CesariOtone, V.
  50. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, VI, 2; Svetonio, Vite dei CesariOtone, V; Tacito, Historiae, I, 23.
  51. ^ a b c d Svetonio, Vite dei CesariOtone, VI.
  52. ^ Tacito, Historiae, I, 27.
  53. ^ Tacito, Historiae, I, 36.
  54. ^ Cassio Dione, LXIV, 6.1; Svetonio, Vite dei CesariGalba, XIX; Garzetti 1974, p. 202.
  55. ^ Cassio Dione, LXIV, 6.2.
  56. ^ Svetonio, Vite dei CesariGalba, XIX; Tacito, Historiae, I, 34-35.
  57. ^ Tacito, Historiae, I, 39.
  58. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, VI, 3; Svetonio, Vite dei CesariGalba, XX; Svetonio, Vite dei CesariOtone, VI; Tacito, Historiae, I, 40; Adkins 2014, p. 22.
  59. ^ Cassio Dione, LXIV, 6.3; Svetonio, Vite dei CesariGalba, XX; Tacito, Historiae, I, 41.
  60. ^ Bunson 2009, p. 212.
  61. ^ Tacito, Historiae, I, 46; Wellesley 2002, p. 27.
  62. ^ Cassio Dione, LXIV, 8.1; Svetonio, Vite dei CesariOtone, VII; Tacito, Historiae, I, 47; Bunson 2009, p. 101.
  63. ^ Le Bohec 2013, p. 186; Montanelli 2011, p. 287; Sampoli 2003, p. 244.
  64. ^ Wellesley 2002, p. 30.
  65. ^ RICOtone, I 15; Calicó, 535.
  66. ^ Wellesley 2002, p. 60.
  67. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, VII.
  68. ^ Roche 2008, pp. 111-113.
  69. ^ Roche 2008, p. 114.
  70. ^ Tacito, Historiae, I, 51-71.
  71. ^ Cassio Dione, LXIV, 7.2.
  72. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, VII; Tacito, Historiae, I, 71.
  73. ^ Roche 2008, pp. 118-120.
  74. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, VIII; Tacito, Historiae, I, 50; Bunson 2009, p. 85; Sampoli 2003, p. 245.
  75. ^ a b c d Svetonio, Vite dei CesariOtone, VIII.
  76. ^ a b Tacito, Historiae, I, 74.
  77. ^ Tacito, Historiae, I, 75.
  78. ^ Tacito, Historiae, I, 76; Bunson 2009, p. 73.
  79. ^ Tacito, Historiae, I, 76.
  80. ^ Tacito, Historiae, I, 77.
  81. ^ Tacito, Historiae, I, 78.
  82. ^ Tacito, Historiae, I, 79.
  83. ^ Tacito, Historiae, I, 80; Garzetti 1974, p. 204.
  84. ^ Tacito, Historiae, I, 84; Pani 1992, p. 171; Shochat 1981, pp. 372-373.
  85. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, VIII; Garzetti 1974, p. 205.
  86. ^ Tacito, Historiae, I, 87.
  87. ^ a b Tacito, Historiae, I, 90.
  88. ^ Tacito, Historiae, II, 11; Wellesley 2002, p. 57.
  89. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, IX; Garzetti 1974, p. 209.
  90. ^ Tacito, Historiae, II, 11.
  91. ^ Smith, 1849, vol. III, Suedius, Clemens.
  92. ^ Smith, 1849, vol. II, Novellus, Antonius.
  93. ^ a b Tacito, Historiae, II, 12.
  94. ^ Tacito, De vita et moribus Iulii Agricolae, VII.
  95. ^ Tacito, Historiae, II, 14.
  96. ^ Tacito, Historiae, II, 15; Garzetti 1974, p. 208.
  97. ^ Tacito, Historiae, II, 16.
  98. ^ Tacito, Historiae, II, 17; Garzetti 1974, p. 206.
  99. ^ Tacito, Historiae, II, 18.
  100. ^ Tacito, Historiae, II, 19.
  101. ^ Tacito, Historiae, II, 20.
  102. ^ Smith, 1849, vol. III, Spurinna, Vestritius.
  103. ^ Tacito, Historiae, II, 22; Garzetti 1974, p. 207.
  104. ^ Smith, 1849, vol. II, Gallus, Annius.
  105. ^ a b c Tacito, Historiae, II, 23.
  106. ^ Bunson 2009, p. 104.
  107. ^ Tacito, Historiae, II, 24.
  108. ^ Tacito, Historiae, II, 26.
  109. ^ Tacito, Historiae, II, 31; Garzetti 1974, p. 210.
  110. ^ Tacito, Historiae, II, 32.
  111. ^ Smith, 1849, vol. I, Celsus, P. Marius.
  112. ^ a b c Tacito, Historiae, II, 33.
  113. ^ Tacito, Historiae, II, 34.
  114. ^ Smith, 1849, vol. II, Macer, Marcius.
  115. ^ a b Tacito, Historiae, II, 36.
  116. ^ Tacito, Historiae, II, 39; Garzetti 1974, p. 211.
  117. ^ Tacito, Historiae, II, 40-41.
  118. ^ Tacito, Historiae, II, 41-42.
  119. ^ Tacito, Historiae, II, 43-44.
  120. ^ Eutropio, Breviarium ab Urbe Condita, VII, 17; Svetonio, Vite dei CesariOtone, IX; Tacito, Historiae, II, 46; Garzetti 1974, p. 212.
  121. ^ Cassio Dione, LXIV, 15.2; Svetonio, Vite dei CesariOtone, X; Tacito, Historiae, II, 48.
  122. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, X; Tacito, Historiae, II, 49.
  123. ^ Fini 1994, p. 246; Syme 1993, p. 241.
  124. ^ a b Svetonio, Vite dei CesariOtone, XI; Tacito, Historiae, II, 49.
  125. ^ Svetonio, Vite dei CesariOtone, XI; Tacito, Historiae, II, 49; Wellesley 2002, p. 86.
  126. ^ Aurelio Vittore, De Caesaribus, VII, 2; Ausonio, Caesares, IV, 7-8; Cassio Dione, LXIV, 15.2; Marziale, Epigrammi, VI, 32; PlutarcoOtone, VIII, 2; Tacito, Historiae, II, 47; Hooper 1979, p. 395.
  127. ^ Aurelio Vittore, Epitome, VII, 2.
  128. ^ Tacito, Historiae, II, 74.
  129. ^ Cuénin-Lieber 2002, p. 393.
  130. ^ Strohm 2008, p. 111.
  131. ^ Bourne Kennedy 2008, p. 219; Boyden, Kimberley 2002, pp. 57-58.
  132. ^ (EN) Nero, in AFI Catalog of Feature Films, American Film Institute.
  133. ^ Williams Boyarin 2013, p. 71.

Bibliografia

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
in italiano
in inglese
  • Lesley Adkins, Roy A. Adkins, Handbook to Life in Ancient Rome, Infobase Publishing, 2014, ISBN 978-0-8160-7482-2.
  • Edward Bispham, From Asculum to Actium: The Municipalization of Italy from the Social War to Augustus, OUP Oxford, 2007, ISBN 978-0-19-923184-3.
  • Joyce Bourne Kennedy, A Dictionary of Opera Characters, OUP Oxford, 2008, ISBN 978-0-19-955039-5.
  • Matthew Boyden, Nick Kimberley, The Rough Guide to Opera, Rough Guides, 2002, ISBN 978-1-85828-749-2.
  • Matthew Bunson, Encyclopedia of the Roman Empire, Infobase Publishing, 2009, ISBN 978-1-4381-1027-1.
  • Arther Ferrill, Otho, Vitellius, and the Propaganda of Vespasian, in The Classical Journal, vol. 60, nº 6, 1965, pp. 267-269.
  • Cora Beth Fraser, Otho's funny walk: Tacitus, Histories 1.27, in The Classical Quarterly, vol. 57, nº 2, 2007, pp. 621-631.
  • Albino Garzetti, From Tiberius to the Antonines: A History of the Roman Empire from AD 12-192, Londra, Methuen & Co. LTD., 1974, ISBN 0-416-70480-8.
  • Miriam T. Griffin, Nero: The End of a Dynasty, Routledge, 2002, ISBN 978-1-134-61043-3.
  • B.F. Harris, Tacitus on the death of Otho, in The Classical Journal, vol. 58, nº 2, 1962, pp. 73-77.
  • Finley Hooper, Roman Realities, Detroit, Wayne State University Press, 1979, ISBN 978-0-8143-1594-1.
  • Elizabeth Keitel, Otho's exhortations in Tacitus' Histories, in Greece & Rome, vol. 34, nº 1, 1987, pp. 73-82.
  • Yann Le Bohec, The Imperial Roman Army, Routledge, 2013, ISBN 978-1-135-95506-9.
  • Gwyn Morgan, 69 AD: The Year of Four Emperors, Oxford University Press, 2005, ISBN 978-0-19-802887-1.
  • Charles L. Murison, Galba, Otho and Vitellius: Careers and Controversies, Olms, 1993, ISBN 978-3-487-09756-5.
  • Caroline A. Perkins, Tacitus on Otho, in Latomus, vol. 52, nº 4, 1993, pp. 848-855.
  • Paul Roche, The public imagery of the emperor Otho, in Historia, vol. 57, nº 1, 2008, pp. 108-123.
  • Yanir Shochat, Tacitus' attitude to Otho, in Latomus, vol. 40, nº 2, 1981, pp. 365-377.
  • D.C.A. Shotter, The coinage of Otho: A contribution to the history of his reign, in Historia, vol. 45, nº 3, 1996, pp. 382-385.
  • William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, volumi I-II-III, 1849. Wikisource-logo.svg
  • Reinhard Strohm, The Operas of Antonio Vivaldi, Volume 13, Part 1, L.S. Olschki, 2008, ISBN 978-88-222-5682-9.
  • Kenneth Wellesley, Year of the Four Emperors, Routledge, 2002, ISBN 978-1-134-56227-5.
  • Adrienne Williams Boyarin, The Siege of Jerusalem: A Broadview Anthology of British Literature Edition, Broadview Press, 2013, ISBN 978-1-4604-0280-1.
in francese
  • Mariette Cuénin-Lieber, Corneille et le monologue: une interrogation sur les héros, Gunter Narr Verlag, 2002, ISBN 978-3-8233-5546-5.
in tedesco
raccolte numismatiche

Altri progetti

Altri progetti

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN84036319 · ISNI (EN0000 0000 6633 4629 · LCCN (ENn50049609 · GND (DE118787357 · BNF (FRcb15146436d (data) · BAV ADV10923072 · CERL cnp00977494 · WorldCat Identities (ENn50-049609
69

Il 69 (LXIX in numeri romani) è un anno del I secolo.

Battaglia di locus Castorum

La battaglia di locus Castorum fu uno scontro avvenuto nel 69 durante l'anno dei quattro imperatori fra le forze di Cecina Alieno, luogotenente di Vitellio e quelle di Svetonio Paolino e Mario Celso, dalla parte di Otone. Ciò avvenne a 12 miglia da Cremona, in un luogo detto "dei Càstori" (in latino "locus Castorum" secondo Publio Cornelio Tacito o "Ad Castoris" secondo Plutarco e Svetonio), dove doveva esserci stato un tempietto dedicato a Castore e Polluce.

La presenza della legio I Adiutrix, descritta da Tacito, può essere un errore dello stesso, in quanto in seguito, in occasione della prima battaglia di Bedriaco, specifica che quest'ultima era la sua prima battaglia, e lo stesso specificò Plutarco.

Cornelio Lacone

Cornelio Lacone (... – 69) è stato il prefetto del pretorio della Guardia Pretoriana sotto l'imperatore Galba dal 68 fino alla sua morte nel 69.

Lacone aderì a questo incarico dopo il suicidio del precedente imperatore Nerone, sostituendo Gaio Ofonio Tigellino come capo della Guardia. Il regno di Galba, però, si rivelò di breve durata. L'età avanzata distrusse l'energia dell'imperatore, tanto che ogni sua decisione era presa dai suoi preferiti: Lacone, Tito Vinio, che divenne console, e Icelus Marciano, che controllavano l'imperatore e per questo motivo furono chiamati "I tre pedagoghi". Tutto questo rendeva il nuovo imperatore gravemente impopolare, e il 15 gennaio 69, Marco Salvio Otone fu proclamato imperatore dai pretoriani. Galba fu assassinato e Lacone esiliato su un'isola dove fu poi ucciso dai soldati di Otone.

Fonti e storiografia su Otone

Per fonti e storiografia su Otone si intendono le principali fonti (letterarie, numismatiche, archeologiche, ecc.) contemporanee alla vita dell'imperatore romano Otone, nonché la descrizione degli eventi di quel periodo e l'interpretazione datane dagli storici, formulandone un chiaro resoconto (logos), grazie anche all'utilizzo di più discipline ausiliarie.

Galba

Servio Sulpicio Galba Cesare Augusto (in latino Servius Sulpicius Galba Caesar Augustus; Terracina, 24 dicembre 3 a.C. – Roma, 15 gennaio 69) è stato un imperatore romano, noto semplicemente Servio Sulpicio Galba ed anche noto con il cognomen Galba, percorse l'intero cursus honorum fino al consolato e agli incarichi di governatore in Germania superiore, Africa proconsolare e nella Hispania Tarraconensis. Sostenne la rivolta di Giulio Vindice e alla morte di questi e di Nerone ascese al trono, primo a regnare durante l'Anno dei quattro imperatori. Dopo appena sette mesi di governo, il 15 gennaio del 69 fu deposto e assassinato dai pretoriani che elevarono Otone.

Guerra civile romana (68-69)

L'anno dei quattro imperatori corrisponde, all'interno della storia romana, all'anno 69, così chiamato in quanto durante questo anno regnarono quattro imperatori: Galba, successore di Nerone in carica dal giugno 68, Otone, entrato in carica a gennaio, Vitellio, imperatore da aprile, e Vespasiano, che ottenne la porpora a dicembre per tenerla saldamente per dieci anni. Galba venne eletto in Hispania, Vitellio dalle legioni germaniche, Otone dalla guardia pretoriana a Roma ed infine Vespasiano dalle legioni orientali e danubiane.

Historiae (Tacito)

Le Historiae (Storie) di Tacito sono un'opera di storiografia scritta intorno al 110 d.C. e riguardante gli avvenimenti degli anni 69 e 70 d.C.

Dell'opera ci sono pervenuti solo i primi cinque libri dei dodici o quattordici originari, che probabilmente narravano anche tutto il periodo della dinastia Flavia fino al 96 d.C.

Nelle Historiae Tacito racconta le guerre civili del 69 d.C., la morte degli imperatori militari Galba, Otone e Vitellio, l'assedio di Gerusalemme e la prima guerra giudaica.

Icelo Marciano

Icelo Marciano (in latino Icelus Marcianus; ... – 15 gennaio 69) è stato un politico romano, liberto dell'imperatore Galba.

Licinio Proculo

Licinio Proculo (in latino Licinius Proculus; ... – ...) è stato un militare romano, prefetto del pretorio sotto l'imperatore Otone da gennaio ad aprile del 69.

Lucio Calpurnio Pisone Liciniano

Lucio Calpurnio Pisone Liciniano Frugi (38 – Roma, 15 gennaio 69) è stato un nobile romano, figlio di Marco Licinio Crasso Frugi, console nel 27, e di Scribonia, figlia a sua volta del console Lucio Scribonio Libo, apparteneva alle gens Licinia e Scribonia; fu adottato dall'imperatore Galba come suo successore ma fu assassinato dai pretoriani che elevarono Otone.

Lucio Salvio Otone

Lucio Salvio Otone (in latino Lucius Salvius Otho; ... – ...) è stato un politico e militare romano, padre dell'imperatore Otone.

Lucio Salvio Otone Cocceiano

Lucio Salvio Otone Cocceiano (in latino Lucius Salvius Otho Cocceianus; ca. 50 – ca. 90) è stato un politico romano, nipote dell'imperatore Otone.

Lucio Salvio Otone Tiziano

Lucio Salvio Otone Tiziano (in latino Lucius Salvius Otho Titianus; ... – ...) è stato un politico e militare romano, fratello dell'imperatore Otone.

Marzio Macro

Marzio Macro (in latino: Martius Macer; ... – 69) è stato un militare romano, un propretore della Mesia ed un proconsole dell'Asia che partecipò all'Anno dei quattro imperatori parteggiando per Otone. Gli era stato affidato un consolato, ma questo venne ignorato in quanto sarebbe ricorso dopo il suicidio di Otone e la salita al potere di Vitellio.

Poppea

Poppæa Sabina (30 circa – Oplontis, 65) fu la seconda moglie dell'imperatore romano Nerone, e quindi imperatrice consorte dell'Impero romano dal 62 alla sua morte.

Gli storici dell'antichità vedono in lei poche qualità (a parte la sua bellezza) e ne descrivono gli intrighi per diventare imperatrice. Solo quindici secoli dopo Claudio Monteverdi ne diede un ritratto meno fosco nella sua ultima opera, evidenziandone l'amore per l'imperatore.

Prima battaglia di Bedriaco

La prima battaglia di Bedriaco fu combattuta il 14 aprile 69 a Bedriaco, vicino Cremona, tra l'esercito di Otone e quello di Vitellio, due pretendenti al trono dell'Impero romano dopo la morte di Nerone e Galba, nel cosiddetto anno dei quattro imperatori.

Tito Vinio

Tito Vinio (in latino Titus Vinius; 12 – Roma, 15 gennaio 69) è stato un politico e militare romano, tra gli uomini più potenti di Roma durante il principato dell'imperatore Galba.

Vitellio

Aulo Vitellio Germanico Augusto (in latino Aulus Vitellius Germanicus Augustus; nelle epigrafi: IMP•A•VITELL•GERM•AVG; Nuceria Alfaterna, 6 o 24 settembre 15 – Roma, 20 dicembre 69), meglio conosciuto semplicemente come Vitellio, è stato un imperatore romano.

Originario della Campania (probabilmente di Nuceria), fu imperatore dal 16 aprile al 20 dicembre del 69, terzo a salire sul trono durante l'anno detto dei quattro imperatori.

Vitellio fu il primo ad aggiungere al suo nomen il cognomen onorifico Germanico al posto di Cesare, quest'ultimo titolo caduto in disgrazia in molti quartieri dell'Urbe a causa delle azioni di Nerone. La sua ascesa al trono fu ostacolata dalle legioni di stanza nelle province orientali, che avevano acclamato il loro comandante Vespasiano imperatore.

Nella guerra che seguì, Vitellio riportò una sconfitta nella seconda battaglia di Bedriaco, località situata nell'attuale comune di Calvatone nei pressi di Cremona. Dopo questa battaglia, essendo stato abbandonato dai suoi seguaci, Vitellio abdicò in favore di Vespasiano, ma fu comunque ucciso a Roma dai soldati di Vespasiano, il 20 dicembre 69.

Wacom

Wacom Co., Ltd. (株式会社ワコム pronunciato /'wɑːkɒm/ o /'wækɒm/) è una società produttrice di tavolette grafiche e prodotti per grafica con sede a Ōtone in Giappone. Rappresenta il principale produttore di tavolette grafiche al mondo, con una quota di mercato che ad agosto 2009 raggiunge il 95,4% in Giappone e l'86% nel mondo

.

Il nome "Wacom" è una parola giapponese composta dai termini "Wa" (armonia, cerchio) e "Komu" (computer).

Anno dei quattro imperatori
Eventi e fonti
Scenario geopolitico
Battaglie
Protagonisti
Eserciti
Anno dei quattro imperatori
Imperatori romani e relative linee di successione
Dinastia giulio-claudia
Anno dei quattro imperatori
Dinastia flavia
Principato adottivo
Guerra civile (193-197)
Dinastia dei Severi
Anarchia militare
Tetrarchia e
dinastia costantiniana
Gioviano, dinastia
di Valentiniano
e Teodosio I
Casata di Teodosio (Impero Romano d'Occidente)
Impero romano d'Occidente
Elenco degli imperatori romani · Linea di successione degli imperatori romani
Opere di Plutarco
Vite parallele
Biografie singole
Moralia
Pseudo-Plutarco

In altre lingue

This page is based on a Wikipedia article written by authors (here).
Text is available under the CC BY-SA 3.0 license; additional terms may apply.
Images, videos and audio are available under their respective licenses.