Fineas

Fineas (reso molte volte in italiano con Pincas) è il nome portato da due personaggi della Bibbia.

Fineas sommo sacerdote

Il primo personaggio che porta il nome Fineas è figlio di Eleazaro e nipote di Aronne. Essendo discendente di Aronne ricopre di diritto la carica di sommo sacerdote. Si parla di lui in vari libri dell'Antico Testamento. Una vicenda particolare è narrata nel Libro dei Numeri (25, 1). In questa vicenda gli è attribuito il merito di aver placato l'ira di Dio, poiché non restò indifferente di fronte all'ingiustizia. Infatti il popolo, quando era stanziato a Sittim, si diede all'impurità con le figlie di Moab e sotto loro invito, fece e mangio sacrifici destinati a Baal-peor. Dio disse quindi a Mosè di prendere provvedimenti contro i capi d'Israele e contro gli Israeliti peccatori. In quel momento un israelita condusse nella sua tenda una donna madianita, proprio sotto gli occhi di Mosè e degli anziani che con lui facevano cordoglio. Visto ciò Fineas non riuscì a resistere e prese una lancia, seguì l'uomo nella sua tenda e trafisse l'israelita e la madianita (rispettivamente Zimri e Cozbi), entrambi, con un singolare colpo di lancia (versetto 8). Fatto ciò l'ira di Dio, che aveva già causato ventiquattromila morti, si placò.

Fineas continuò per molti anni (fino alla sua morte) a ricoprire il compito di sacerdote e di condottiero di Israele.

Fineas figlio del sacerdote

Un secondo personaggio di nome Fineas è presentato nel I libro di Samuele. Questo Fineas era fratello di Ofni e figlio secondogenito di Eli, il quale era un sacerdote (e per questo discendente di Mosè o Aronne), che non svolgeva i suoi compiti e non prendeva seriamente in considerazione l'importanza della sua nomina. Quando Fineas portò l'arca del patto nel campo di battaglia dove si doveva svolgere un combattimento contro i Filistei, questi si preoccuparono perché pensavano che Dio fosse dalla parte degli israeliti. Durante la battaglia i Filistei riuscirono ad uccidere Fineas e ad impadronirsi dell'arca e la misero nel loro tempio, a fianco della statua di Dagon (pagando amarissimamente questo affronto nei confronti del vero Dio). In 1 Samuele 3,12-17 si legge il comportamento irrispettoso dei figli di Eli durante le offerte di sacrifici e nei confronti degli israeliti. Il versetto 17 specifica quanto il loro peccato era grande agli occhi di Dio. Dio disapprovò la loro condotta e ne decretò la morte.

Voci correlate

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN10977735 · GND (DE131400703 · CERL cnp00800281 · WorldCat Identities (EN10977735
Abiatar

Abiatar, אביתר, ‛Ebyatar o Ebiatar (... – ...), è un personaggio biblico, figlio di Achimelech, sacerdote a Nob.

Il significato del suo nome è: "Il padre ha abbondanza".

Unico superstite dei sacerdoti fatti trucidare da Saul, fuggì a Keilah, rifugiandosi presso Davide.

Fu sommo sacerdote durante il regno di Davide e appoggiò la candidatura di Adonia alla successione al soglio davidico. Dopo l'avvento al trono di Salomone (il secondo figlio avuto da Betsabea), fu condannato all'esilio e al suo posto subentrò Zadok.

Alessandro Ianneo

Alessandro Ianneo (in latino Alexander Iannaeus; ... – 76 a.C.) fu re di Giudea e Sommo sacerdote.

Anna (sommo sacerdote)

Anna, o Anania, in ebraico: Anano ben Seth, in greco (Vangeli) Ἅννας (Hannas) (... – ...), fu un sommo sacerdote dell'ebraismo. Ricoprì tale carica dal 6 al 15 d.C..

Deposto da Valerio Grato, rimase comunque influente all'interno del sinedrio per molti altri anni e mantenne il titolo di sommo sacerdote. Gli succedettero, come sommi sacerdoti, diverse persone della sua famiglia, tra cui il genero Caifa. È noto soprattutto per aver partecipato, secondo il racconto dei Vangeli, al processo che condannò a morte Gesù.

Antigono II Asmoneo

Antigono II Mattatia Asmoneo (... – 37 a.C.) era il figlio del re Aristobulo II di Giudea.

Aristobulo I

Aristobulo (latino: Aristobulus; ... – 103 a.C.) fu Re di Giuda e Sommo sacerdote dal 104 al 103 a.C., appartenente alla dinastia degli Asmonei e primo tra loro a farsi riconoscere come re.

Aristobulo II

Aristobulo II (... – 49 a.C.) appartenente alla dinastia degli Asmonei, fu re e sommo sacerdote di Giudea dal 66 al 63 a.C..

Eleazaro (figlio di Aronne)

Eleàzaro, o Eleàzar, è un personalità biblica, terzo figlio di Aronne, della tribù di Levi, e sommo sacerdote di Israele.

Insieme a Giosuè, fu la guida del popolo ebraico durante l'Esodo, fino all'insediamento in Palestina.

I suoi due fratelli maggiori, Nadab e Abiu, morirono prima del padre, nel Deserto del Sinai, come punizione per aver offerto fuoco profano a Yahweh.

Eli (sommo sacerdote)

Eli, in lingua ebraica: עלי, ʻEli, ʻĒlî, che significa "Ascensione" o "Dio è il più alto/Dio in alto"; in greco antico, Ηλί, Ēli; in latino Heli (...), fu, secondo il Libro di Samuele un Sommo sacerdote ebraico in Silo.

Elia

Il profeta Elia (nome ebraico אֱלִיָּהוּ Eliyahu, che significa "il mio Dio è Yahweh") o Elias (in greco Ηλίας Elías o Ilias; siriaco: ܐܶܠܺܝܐܰ Elyāe; arabo: إلياس o إليا, Ilyās o Ilyā) della città di Tishbà nel paese di Galaad, e perciò detto anche il Tishbita, è una delle figure più rilevanti dell'Antico Testamento; le sue gesta sono narrate nei due "libri dei Re" della Bibbia.

Gionata Maccabeo

Gionata Maccabeo (... – ...), figlio di Mattatia, apparteneva alla nobile ed antica famiglia degli Asmonei, dinastia ebraica che tra alterne vicende governò la Giudea tra il II e I secolo a.C..

Succedette al fratello Giuda, il primo ad ereditare il soprannome di Maccabeo, poi impropriamente esteso a tutti i fratelli, il quale dal 166 al 161 a.C. aveva guidato la guerra di liberazione della Giudea dal dominatore siriano e, in virtù delle sue vittorie, aveva potuto ridedicare il Tempio di Gerusalemme.

Gionata, il quale fu re di Giudea dal 161 al 143, continuò la guerra iniziata da suo fratello e da suo padre. Suoi avversari furono dunque i re che si avvicendarono sul trono di Siria in quegli anni: Antioco V Eupatore, Alessandro I Bala, Demetrio I e Demetrio II. Le vicende della guerra, come quelle di Giuda e di tutti gli altri Maccabei, sono trattati nell'antico Testamento (1 Maccabei e 2 Maccabei). Inoltre, in particolare delle imprese di Gionata parla diffusamente Flavio Giuseppe nel XIII libro delle Antichità Giudaiche. Tra le azioni più importanti di re Gionata, si può ricordare il rinnovo del trattato con i Romani nel 161 e la ricostruzione delle mura di Gerusalemme.

Giovanni Ircano I

Giovanni Ircano (Yohanan Girhan; Johannes Hyrcanus; ... – 104 a.C.) fu un sovrano della famiglia degli Asmonei, re di Giuda e Sommo sacerdote dal 134 a.C. alla sua morte. Probabilmente assunse il nome 'Ircano' al momento dell'incoronazione.

Giovanni Ircano II

Giovanni Ircano II (latino: Iohannes Hyrcanus; ... – 30 a.C.) fu un membro della dinastia degli Asmonei, Sommo sacerdote e Re di Giudea.

Ircano assunse il trono nella fase discendente delle fortune della famiglia asmonea: da una parte l'espansione della Repubblica romana ridusse sempre più l'estensione del suo regno e la sua effettiva indipendenza politica, dall'altra la sua lotta con il fratello Aristobulo II indebolì la forza della dinastia. L'ascesa di Antipatro e, in particolare, di suo figlio Erode il Grande, fu dovuta in parte all'incapacità di Ircano di reggere le redini del suo regno.

Itamar (Bibbia)

Nella Torah, Itamar o Ithamar (in ebraico: אִיתָמָר‎?) era il quarto (e il più giovane) figlio di Aaronne il Sommo Sacerdote. Dopo la costruzione del Tabernacolo, fu responsabile della registrazione di un inventario per garantire che tale Tabernacolo e il suo contenuto fossero conformi alla visione data da Dio a Mosè sul Monte Sinai.

Jehoiada

Jehoiada (... – ...) è stato sommo sacerdote di Israele.

Joshua ben Gamaliel

Joshua ben Gamaliel, in greco: Γαμάλα .. υιός Ίησοΰς (Gesù figlio di Gamaliele) (...), fu un sommo sacerdote ebraico.

Ricoprì tale carica dal 63 al 64 d.C. poco prima della distruzione di Gerusalemme e del termine del sacerdozio ebraico.

È ricordato da Giuseppe Flavio insieme ad Anano ben Anano nelle pagine che raccontano degli ultimi avvenimenti prima dell'assedio delle legioni di Tito e della distruzione di Gerusalemme.

Di Joshua lo storico ricorda l'indignazione per l'apatia del popolo di Gerusalemme, indifferente ai soprusi e alla sacrilega occupazione del Tempio da parte degli Zeloti. Alla sua indignazione aveva fatto eco un accorato discorso di un altro sacerdote Anano ben Anano, che sollevò il popolo contro gli Zeloti, obbligandoli, dopo duri scontri, a rinserrarsi nel Tempio. Di qui gli Zeloti, vista l'impossibilità di uscirne, si decisero ad inviare messaggeri agli Idumei per sollecitare il loro aiuto. Questi radunata una massa di quasi ventimila uomini si diressero verso Gerusalemme, accampandosi davanti alle porte. Dall'alto delle mura Joshua cercò di dissuadere gli Idumei a non allearsi con gli Zeloti, "feccia e rifiuto di tutto il paese". Ma invano. Nella notte, sotto una pioggia torrenziale, gli Idumei entrarono in città, liberarono gli Zeloti e catturarono Anano e Joshua uccidendoli e dopo averne sbeffeggiati i cadaveri, li gettarono via insepolti.

Phineas

Phineas è un nome proprio di persona inglese maschile.

Sadoc

Sadoc (AFI: /saˈdɔk/; in ebraico צדוק, Tzadok, "Giusto" o "Virtuoso"; in greco Σαδώκ, Sadṓk; in latino Sadoc; ...) fu un sacerdote ebraico discendente da Eleazaro, figlio di Aronne.

Egli aiutò il re Davide durante la rivolta del figlio Assalonne e fu quindi determinante nel portare al trono il re Salomone. Dopo che Salomone ebbe eretto il Tempio di Gerusalemme, Sadoc ne fu il primo Sommo sacerdote.

Il profeta Ezechiele loda i figli di Sadoc come strenui oppositori del paganesimo durante il periodo del culto verso dei stranieri ed indica i loro diritti ereditari e privilegi come unici nel futuro tempio.

Simone Maccabeo

Simone Maccabeo, figlio di Mattatia, apparteneva alla nobile ed antica famiglia degli Asmonei, dinastia ebraica che tra alterne vicende governò la Giudea tra il II e il I secolo a.C. Fu terzo, tra i suoi fratelli, a divenire re di Giudea, nel 142 a.C., alla morte di Gionata e rimase sul trono fino al 134 a.C..

Continuò la guerra contro i re di Siria Demetrio II e Antioco VII Sidete. Rinnovò, ugualmente ai suoi due fratelli che l'avevano preceduto, l'alleanza con i Romani. Le vicende della guerra, come quelle di Giuda e di tutti gli altri Maccabei, sono trattati nell'Antico Testamento (I Maccabei e II Maccabei). Inoltre, in particolare delle imprese di Simone parla diffusamente Flavio Giuseppe nel XIII libro delle Antichità giudaiche nonché nel I libro della Guerra giudaica.

Rimase ucciso per il tradimento di un suo generale, Tolomeo di Gerico, insieme a due dei suoi figli. Gli successe l'unico figlio rimastogli, Giovanni Ircano I.

Sommi sacerdoti di Israele

Lista (in parte tradizionale dei sommi sacerdoti di Israele fino alla distruzione del tempio di Gerusalemme (70 d.C.) ad opera delle legioni dell'imperatore Tito. Questa lista è ovviamente incompleta a causa delle lacune presenti nelle fonti.

L'ufficio di sommo sacerdote non passava sempre di padre in figlio. La lista si basa sulla Bibbia e su altre fonti.

Sommi sacerdoti ebraici
Tabernacolo
Primo Tempio
Post-esilio babilonese
Asmonei
Erodiani
fino alla
Prima guerra giudaica
Al tempo della
Prima guerra giudaica

In altre lingue

This page is based on a Wikipedia article written by authors (here).
Text is available under the CC BY-SA 3.0 license; additional terms may apply.
Images, videos and audio are available under their respective licenses.