Canale di Panama

Coordinate: 9°04′48″N 79°40′48″W / 9.08°N 79.68°W

Canale di Panama
Panama Canal Map EN
Mappa del canale di Panama
StatoPanama Panama
Lunghezza81,1 km
Pm-map
Mappa di Panama, con il canale ben visibile al centro tra l'oceano Pacifico (in basso) e il mar dei Caraibi (in alto).

Il canale di Panama è un'opera idraulica artificiale che attraversa l'istmo di Panama in America centrale, collegando l'oceano Atlantico con l'oceano Pacifico. Lungo 81,1 km compresi i prolungamenti in mare, profondo al massimo 12 m, e largo tra i 240–300 m nel lago Gatún e i 90–150 m nel tratto del taglio della Culebra, permette dunque di evitare la circumnavigazione dell'America meridionale fino a capo Horn o allo stretto di Magellano.

Descrizione

È costituito da due impianti per la risalita e per la discesa che sono ubicati tra la baia di Limón ed il Lago di Gatún (lato Atlantico) e presso i villaggi di Pedro Miguel / Miraflores (lato Pacifico). Ognuno dei due impianti è composto da 6 conche poste a tre a tre su due differenti vie con salti di livello di circa 9 metri tra ognuna di esse, permettendo alle navi, salendo e scendendo, di superare un dislivello totale di circa 28m tra il livello del mare alle due imboccature e il livello dell'acqua nel punto più elevato del canale. Tale dislivello è dovuto alla maggiore altitudine del fondo artificiale lungo l'opera che per motivi tecnici ed economici non poté essere spianato sino rendere la lamina navigabile al livello del mare. Il canale evita alle navi dirette da porti del Pacifico a quelli dell'Atlantico e viceversa la circumnavigazione dell'America Meridionale. Il tempo di percorrenza, dipendente dal traffico e dalla grandezza della nave, è di circa 8/12 ore.

L'imboccatura in corrispondenza del mare dei Caraibi si trova adiacente al porto di Cristóbal nella baia di Limón. Le navi provenienti dall'Atlantico e dirette al Pacifico, dopo aver percorso l'impianto di risalita composto dalle tre chiuse di Gatún, attraversano il lago Gatún, la zona di Gamboa, lo stretto di Culebra, giungendo poi alla chiusa di Pedro Miguel, passano poi, dopo un primo salto di livello di circa 9 metri, nel lago di Miraflores che dà accesso alle due chiuse di Miraflores raggiungendo all'uscita di queste il livello del mare presso il porto di Balboa. Segue la navigazione passando il ponte delle Americhe fino a giungere poi nel golfo di Panama. Il canale è percorso da migliaia di navi all'anno per un tonnellaggio di decine di milioni di tonnellate in entrambi i sensi.

Per effetto della particolare conformazione dell'istmo di Panama nella zona del Canale (che non segue l'andamento nordovest-sudest ma piega in direzione sudovest-nordest) l'imbocco sull'Oceano Atlantico si trova più a ovest di quello sul Pacifico. Una nave che passi dall'Atlantico al Pacifico quindi uscirà dal Canale in un punto più orientale di quello d'entrata, pur essendo tale oceano a ovest dell'Atlantico.

Nel 2009, 14.342 navi hanno attraversato il canale, trasportando 198.014.288 tonnellate di cargo. Il pedaggio dovuto per la navigazione è la principale fonte dell'economia di Panama. Le navi che attraversano il canale non potevano superare i 292,68 metri di lunghezza e i 32,31 metri di larghezza a causa delle massime dimensioni delle "conche" che, nel senso della lunghezza, sono limitate dalle porte di comunicazione tra le conche stesse. Le navi che rispettano tali limiti sono dette panamax. Questo limite è stato superato nel 2014, a termine dell'espansione del canale ad opera di un consorzio a cui hanno partecipato la compagnia belga Jan De Nul, la spagnola Sacyr Vallehermoso, l'italiana Salini Impregilo e la panamense Grupo Cusa[1].

Geografia

A partire dal versante Atlantico, entrando all'interno della baia di Limón, il canale vero e proprio viene imboccato dopo un tratto di circa 7 km. Gli 11 km che seguono si snodano in direzione sud sud-ovest fino a raggiungere le chiuse di Gatún, che innalzano le unità transitanti di 27 m sopra il livello del mare, fino al lago artificiale di Gatún, formato dalla costruzione di una diga sul fiume Chagres. Dopo aver attraversato il lago, il canale prosegue verso sud sud-est sino all'imboccatura del taglio di Gaillard (o anche taglio della Culebra), un tratto di canale di circa 13 km ricavato dal taglio di una roccia durissima, al termine del quale si trova la chiusa di Pedro Miguel.

Questa, permettendo un abbassamento di circa 9 metri, conduce al lago Miraflores. Per poter raggiungere il livello del mare è necessario passare attraverso le due rimanenti chiuse di Miraflores.

Espansione del canale

Dal 2016 l'espansione del Canale di Panama ha portato al raddoppio della capacità del canale, permettendo il passaggio di navi più grandi. Nell'aprile 2006 si è concluso lo studio durato cinque anni per un ampliamento dell'opera idraulica. L'ampliamento è stato approvato con un referendum popolare che ha visto prevalere, con il 75,25% dei "sì" dopo il voto del 43,3% degli aventi diritto, i favorevoli all'approvazione del progetto. I lavori, iniziati nel 2007, sarebbero dovuti terminare entro il 2014, centenario dell'apertura dell'opera, per concludersi poi nel giugno 2016. Il progetto ha visto la costruzione di due nuove serie di chiuse in corrispondenza di ciascuno degli imbocchi del canale, parallele a quelle già esistenti. Ogni serie ha tre camere. Si è proceduto inoltre allo scavo di due canali di accesso alle nuove chiuse e all'allargamento del canale di navigazione. Il progetto, che vede attivamente coinvolto un consorzio italo-spagnolo del settore delle costruzioni che ha realizzato, in Italia, le nuove paratoie giganti[2], prevede di portare al raddoppio della capacità di navigazione del canale entro il 2025.

L'inaugurazione del nuovo canale si è svolta il 26 giugno del 2016[3].

Storia

Construction of Panama Canal, Isthmian Historical Society, ca1913
Fasi della costruzione del canale

Il progetto originario del canale risale al XIX secolo.

Uno studio del 1829 eseguito dall'ingegnere inglese John Lloyd su commissione di Simon Bolivar rivelò la fattibilità dell'opera[4].

Nel 1834 la Repubblica del New Grenada pubblicò un bando, con premio di 100.000 acri di terreno, a chi fosse riuscito a costruire il canale, o una ferrovia, o una strada, sull'istmo di Panama[4].

Nel 1836 il colonnello Charles Biddle, ex commerciante di Philadelphia, ricevette l'autorizzazione a costruire il canale[5][4].

Nel 1839 la Repubblica del New Grenada concesse alla compagnia Salomon & co i permessi per la costruzione del canale, dopo il fallimento del tentativo da parte del colonnello Charles Biddle[5].

Nel 1879 fu caldeggiato dal Congresso internazionale di Parigi ed ebbe tra i suoi promotori Ferdinand de Lesseps, già costruttore del canale di Suez.

Nel 1881 Lesseps fondò una società per raccogliere fondi e iniziò i lavori secondo un progetto molto complesso che non prevedeva l'impiego di chiuse; il suo tentativo fallì per gli ostacoli di natura tecnica e finanziaria.

Nel 1885 fu sostituito da Gustave Eiffel e la società fallì nel 1889.

Nel 1901 gli Stati Uniti ottennero dal governo colombiano (all'epoca Panama faceva parte della Grande Colombia) l'autorizzazione per costruire e gestire il canale per 100 anni. Nel 1903 però il governo della Colombia, in un sussulto di orgoglio nazionale, decise di non ratificare l'accordo. Gli USA allora non esitarono a organizzare una sommossa a Panama e a minacciare l'intervento dell'esercito se fosse avvenuta la reazione del governo legittimo. Panama così, come già Cuba, divenne una Repubblica indipendente sotto la tutela degli Stati Uniti, che ottennero l'affitto perpetuo della Zona del Canale e l'autorizzazione a iniziare i lavori.

Kanal MK1888
Canale di Panamá (sopra) e canale del Nicaragua (sotto) - Mappa storica

I lavori iniziarono nel 1907, intrapresi dal genio militare statunitense, e si conclusero il 3 agosto 1914, seguendo i progetti del colonnello Gothal. L'inaugurazione ufficiale, tuttavia, fu rinviata al 12 luglio 1920.[6] La sua condizione giuridica era regolata da tre accordi:

Il primo di questi (trattato di Neutralità) prevede che gli Stati Uniti abbiano il diritto permanente di difendere il canale da ogni minaccia che possa interferire con la sua accessibilità continuata e neutrale alle navi in transito di tutte le nazioni, mentre il secondo ha indicato il 31 dicembre 1999 come termine dell'affitto del canale.

Nel corso della ultracentenaria storia della particolarissima via d'acqua, quale è il Canale di Panama, la "Autoridad del Canal de Panamá" ha nominato alcuni "piloti onorari"; tra gli ultimi, il commodoro Ronald Warwick, già comandante della RMS "Queen Mary 2" della prestigiosa compagnia di navigazione inglese Cunard, e il comandante superiore CSLC Raffaele Minotauro, già comandante di grandi navi transoceaniche di linea della storica "Italia" di Navigazione S.p.A., meglio conosciuta nel mondo dello shipping sotto il nome di "Italian Line".

Regole di navigazione

Il transito delle navi può avvenire solamente accettando le clausole della "domanda di transito" e dopo l'accettazione di essa da parte delle autorità panamensi. Durante il transito del canale vengono sospesi i diritti relativi alla extraterritorialità delle navi da guerra e alcune regole di bandiera relative al comando e alla conduzione delle navi mercantili. Il pilota del canale, che viene destinato alla nave dalle autorità locali, assume direttamente il comando della navigazione, non svolgendo, come normalmente avviene in tutti i porti del mondo, il ruolo di semplice consulente del comandante. Il comandante, in forza delle leggi e dei regolamenti disciplinanti la navigazione marittima, rimane responsabile dei servizi e della funzionalità della nave sotto il suo comando, senza però poter interferire nelle operazioni di pilotaggio[7]. I diritti di proprietà e l'organizzazione interna dei servizi della nave rimangono invariati.

Galleria d'immagini

Gateway miraflores and treidelloks

Miraflores Gateway e treidelloks

Container ship passing the channel

Nave porta-container di passaggio al canale

Puente de las Americas 2017

Puente de las Americas

Gateway Gatun

Gateway Gatun

Channel administration building

Edificio amministrativo Canale

Monument for chinees builders

Monumento per i costruttori cinesi

Note

  1. ^ Panama Canal Announces "Best Value" Proposal for New Set of Locks Expansion Contract
  2. ^ Nuove paratoie giganti per il canale di Panama, in ANSA, 10 giugno 2014. URL consultato l'11 giugno 2014.
  3. ^ Panama: inaugurato canale italiano
  4. ^ a b c John M. Belohlavek, A Philadelphian and the Canal: The Charles Biddle Mission to Panama, in The Pennsylvania Magazine of History and Biography, vol. 104, nº 4.
  5. ^ a b Canal across the isthmus of Panama, in The North-Carolinian, June 29, 1839.
  6. ^ (EN) Tori Mayo, On this day - Panama Canal officially opened in 1920, su home.bt.com.
  7. ^ (EN) Maritime Regulations for the Operation of the Panama Canal

Bibliografia

  • Mellander, Gustavo A. (1971) The United States in Panamanian Politics: The Intriguing Formative Years. Danville, Ill.: Interstate Publishers, OCLC 138568
  • Mellander, Gustavo A.; Nelly Maldonado Mellander (1999). Charles Edward Magoon: The Panama Years. Río Piedras, Puerto Rico: Editorial Plaza Mayor. ISBN 1-56328-155-4. OCLC 42970390.

Voci correlate

Altri progetti

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN245637111 · LCCN (ENsh85097339 · GND (DE4044446-6 · WorldCat Identities (EN245637111
1880

Il 1880 (MDCCCLXXX in numeri romani) è un anno bisestile del XIX secolo.

1914

Il 1914 (MCMXIV in numeri romani) è un anno del XX secolo.

America centrale

L'America centrale o Centro America (alternativamente: Centro-America o Centroamerica) è una delle tre principali macroregioni, distinte per posizione geografica, in cui attualmente viene suddivisa l'intera America (le altre due macroregioni sono l'America Settentrionale e l'America Meridionale).

In particolare l'America centrale rappresenta la parte minoritaria di quello che secondo alcuni geografi è il continente nordamericano mentre secondo altri geografi è il subcontinente nordamericano.Caratteristica peculiare dell'America centrale è quella di essere un "ponte" fra le due Americhe (l'America del Nord e l'America del Sud) e nello stesso tempo un'area di passaggio fra i due maggiori oceani della Terra, il Pacifico e l'Atlantico, grazie alla presenza del canale di Panama.

Circumnavigazione

La circumnavigazione di un luogo geografico, come un'isola o un continente o l'intera Terra, è un viaggio compiuto tutto intorno ad esso con mezzi navali. Più recentemente il termine è stato applicato anche ai giri del mondo effettuati con mezzi aerei.

Colón (Panama)

Colón è una città del Panama, capoluogo della Provincia di Colón. Si trova sull'isola di Manzanillo, all'ingresso del Canale di Panama, nel Mare delle Antille. Conta 60.000 abitanti ed è un importante centro portuale e industriale del paese. Vi hanno sede stabilimenti alimentari, tessili, chimici e meccanici.

È formata da due comuni.

Cristóbal (Panama)

Cristóbal, in onore di Cristóbal Colón, nome spagnolo del navigatore italiano Cristoforo Colombo, è una città portuale di circa 50.000 abitanti, lungo il Canale di Panama, nel distretto di Colón, nello stato di Panama.

Un tempo cittadina e area portuale della soppressa Zona del Canale, territorio nel quale vigevano regole imposte dall'autorità statunitense preposta alla gestione delle attività amministrative e di polizia all'interno della zona del canale di Panama, ovvero la Panama Canal Administration. All'uscita dal porto di Cristóbal per entrare nel territorio della città di Colón esisteva una vera e propria frontiera.

Esposizione internazionale Panama-Pacifico di San Francisco (1915)

L'Esposizione internazionale Panama-Pacifico di San Francisco del 1915 (in inglese Panama–Pacific International Exposition, abbreviato PPIE) fu una esposizione internazionale tenutasi a San Francisco, negli Stati Uniti, tra il 20 febbraio e il 4 dicembre 1915.

Suo scopo dichiarato era quello di celebrare il completamento del Canale di Panama, ma venne considerata globalmente dalla città come una opportunità di riscatto dopo il terremoto del 1906.

Istmo

L'istmo è una sottile lingua di terra, bagnata su entrambi i lati da ingenti masse d'acqua appartenenti a oceani, mari o laghi, che congiunge tra loro due territori più vasti di cui uno continentale e l'altro generalmente insulare o anch'esso continentale. Se uno dei due territori congiunti è per vastità tale da essere considerato, in assenza dell'istmo, un'isola, tale ammasso di terra verrà considerato una penisola, non essendo interamente circondato dalle acque.

Alcuni esempi sono:

l'istmo di Corinto

l'istmo di Panama

Istmo di Panama

L'Istmo di Panama è la porzione più sottile della regione degli istmi che unisce l'America settentrionale all'America meridionale. La sua larghezza media misura circa 75 km. Il braccio di terra è compreso tra il Golfo di Darién e quello di Panama, e può essere superato dalle navi in transito attraverso il Canale di Panama.

Jimmy Carter

James "Jimmy" Earl Carter Jr. (Plains, 1º ottobre 1924) è un politico statunitense, 39º presidente degli Stati Uniti d'America dal 1977 al 1981.

In precedenza è stato produttore di arachidi e membro della Commissione Trilaterale. Nel 2002 è stato insignito del Premio Nobel per la pace. In seguito alla morte di George H. W. Bush, avvenuta il 30 novembre 2018, è divenuto il più anziano ex presidente tutt'ora in vita.

È diventato un attivista all'interno del Partito Democratico. Dal 1963 al 1967, Carter ha prestato servizio nel Senato dello stato della Georgia e nel 1970 è stato eletto Governatore della Georgia, sconfiggendo l'ex governatore Carl Sanders nella Primaria democratica sulla piattaforma anti-segregazione che difende l'azione affermativa per le minoranze etniche. Carter rimane governatore fino al 1975. Ha vinto la nomination presidenziale democratica del 1976. Nelle elezioni generali del 1976, Carter è stato un outsider e ha sconfitto strenuamente il presidente repubblicano in carica, Gerald Ford.

Nel suo secondo giorno in carica, Carter ha graziato tutti gli elusori alla leva della guerra del Vietnam. Durante il mandato di Carter come presidente, sono stati istituiti due nuovi dipartimenti a livello di gabinetto, il Dipartimento dell'Energia e il Dipartimento dell'Istruzione. Stabilì una politica energetica nazionale che includeva la conservazione, il controllo dei prezzi e le nuove tecnologie. Negli affari esteri, Carter ha perseguito gli Accordi di Camp David, i Trattati del Canale di Panama, il secondo Strategic Arms Limitation Talks (SALT II) e l'impopolare Zona del Canale di Panama a Panama. Sul fronte economico, ha dovuto affrontare una persistente stagflazione, una combinazione di alta inflazione, alta disoccupazione e crescita lenta. La fine del suo mandato presidenziale fu segnata dalla crisi degli ostaggi in Iran del 1979-1981, dalla crisi energetica del 1979, dall'incidente nucleare di Three Mile Island e dall'invasione sovietica dell'Afghanistan. In risposta all'invasione, Carter intensificò la Guerra Fredda quando finì la distensione, impose un embargo sui cereali contro i sovietici, enunciò la Dottrina Carter e guidò un boicottaggio internazionale delle Olimpiadi estive del 1980 a Mosca. Nel 1980, Carter ha affrontato la sfida del senatore Ted Kennedy nelle primarie, ma ha vinto la ri-nomina alla Convention nazionale democratica del 1980. Ha perso le elezioni generali contro il candidato repubblicano Ronald Reagan. I sondaggi di storici e politologi di solito classificano Carter come un presidente medio; spesso riceve valutazioni più positive per il suo lavoro post-presidenziale.

Nel 2012, Carter ha superato Herbert Hoover come presidente con la pensione più lunga nella storia degli Stati Uniti e nel 2017 è il primo presidente a vivere fino al 40º anniversario della sua inaugurazione. Attualmente è il più anziano e il primo di tutti i presidenti viventi. Nel 1982, viene fondato il Carter center per "promuovere ed espandere i diritti umani". Ha viaggiato molto per condurre negoziati di pace, monitorare le elezioni e promuovere la prevenzione e lo sradicamento delle malattie nei paesi in via di sviluppo. Carter è considerato una figura chiave di Habitat for Humanity Charity. Ha scritto oltre 30 libri che vanno dalle memorie, dalla politica alla poesia e all'ispirazione. Ha anche criticato alcune delle azioni e delle politiche di Israele riguardo al conflitto israelo-palestinese e si è battuto per una soluzione a due stati.

Panama

Panama (pron. /'panama/; desueta la grafia Panamà, che si rifaceva alla pronuncia in spagnolo: Panamá /pana'ma/), ufficialmente Repubblica di Panama (República de Panamá), è uno Stato dell'America centrale, situato nella parte più stretta della regione istmica. Confina a nord con il Mar delle Antille, a est con la Colombia, a sud con l'Oceano Pacifico e a ovest e nordovest con la Costa Rica. Si estende per 75 517 km² e ha una popolazione, nel 2013, di 3 661 868 abitanti. La capitale è Panama, città che conta quasi 900 000 abitanti.

Panama è una repubblica presidenziale, l'attuale capo di Stato e del governo è Juan Carlos Varela.

La lingua ufficiale è lo spagnolo; nelle province di Bocas del Toro e di Colón si parla anche il wari wari, un miscuglio d'inglese e spagnolo tipico dei paesi Caraibici. Nelle comarche indigene di Emberá-Wounaan, Kuna Yala e Ngöbe-Buglé si parlano le lingue indigene.

Panama (città)

Panama (in spagnolo: Panamá; nome completo: Nuestra Señora de la Asunción de Panamá), con 890.000 abitanti, e con una popolazione totale nell'area metropolitana di 1.063.000 abitanti, è la capitale dell'omonimo paese, situata nell'entrata sull'Oceano Pacifico del Canale di Panama. La città di Panama è il principale centro politico, amministrativo e culturale del paese ed è in continua espansione.

Panamax

Con la sigla Panamax si indicano le navi le cui dimensioni permettono il loro passaggio nelle chiuse del canale di Panama. Le chiuse del canale misurano 304,8 m di lunghezza, 33,5 m di larghezza e 12.5 m di profondità. Pertanto le dimensioni massime delle navi Panamax sono di 294 m di lunghezza, 32,3 m di larghezza e 12,04 m di pescaggio.

Si può facilmente capire, confrontando le misure delle chiuse con le dimensioni delle navi, che il margine ad eventuali errori di navigazione è ridottissimo.

Attualmente queste navi vengono considerate di medie dimensioni. Infatti molte moderne navi militari (portaerei) e mercantili (portacontainer e petroliere) superano abbondantemente queste dimensioni, alla ricerca del miglior rapporto costo/efficienza. Queste navi vengono appunto chiamate post-Panamax o super post-Panamax. Comunque rimangono molte le navi mercantili che rispettano le misure necessarie per il transito.

Per ovviare a questo problema sono state progettate nuove chiuse, più grandi, per il canale di Panama. In questo modo verrebbe migliorato anche il traffico che vi si svolge. La costruzione del Canale del Nicaragua, ancora allo stato di progetto, permetterebbe di superare anche questi limiti.

Portarinfuse

Le portarinfuse sono navi usate per trasportare carichi non-liquidi e non unitarizzati in container o pallet.

Le portarinfuse (bulk carrier in inglese) sono per convenzione divise in categorie a seconda delle capacità di carico.

Le più grandi sono le Cape-size, navi che hanno una portata superiore alle 80 000 tonnellate. A causa delle loro dimensioni non possono transitare per il Canale di Panama e sono quindi costrette a doppiare Capo Horn (da cui il loro nome).

Le Panamax sono quelle navi che hanno una larghezza massima di 32,2 metri e che quindi possono attraversare il Canale di Panama. Hanno una portata di circa 60.000/80.000 tonnellate.

Le Handysize hanno una portata compresa tra le 25 000 e le 60 000 tonnellate; sono generalmente dotate di mezzi di carico (gru o bighi) in quanto servono a volte porti poco attrezzati e devono poter far fronte autonomamente alle operazioni di carico e scarico.La gran maggioranza delle navi portarinfuse navigano in mare, ma alcune sono impiegate per i trasporti all'interno di laghi. Quelle usate in mare sono dette in inglese Salties, quelle usate nei laghi Lakers. La maggior parte delle Lakers navigano nei Grandi Laghi americani.

Quasi tutte queste navi hanno solo un ponte principale (il ponte di coperta).

Provincia di Colón

La provincia di Colón è una delle province di Panama. Comprende le fasce costiere sulle sponde opposte del Canale di Panama, per una superficie complessiva di 4.868,4 km². Conta 232.748 abitanti, e ha capoluogo Colón.

Salini Impregilo

Salini Impregilo S.p.A. è un gruppo italiano che opera nel settore delle costruzioni e dell'ingegneria. È attivo in oltre 50 Paesi nella realizzazione di dighe e impianti idroelettrici, opere idrauliche, ferrovie e metropolitane, aeroporti e autostrade, edilizia civile e industriale.

Il gruppo, nato nel 2014 dalla fusione di Salini SpA ed Impregilo SpA, due aziende italiane attive nel settore delle costruzioni, è al primo posto nella classifica delle imprese italiane operanti all'estero. A gennaio 2016, il Gruppo ha acquisito la società di costruzioni statunitense Lane Industries.Salini Impregilo è quotata nell'indice FTSE Italia Mid Cap della Borsa di Milano.

Stretto di Magellano

Lo stretto di Magellano è un percorso navigabile del Cile frapposto fra la massa continentale del Sud America (a Nord) e la Terra del Fuoco (a Sud). Si può sostenere che lo stretto sia il più importante passaggio naturale tra l'Oceano Pacifico e l'Oceano Atlantico, alternativo (fino all'apertura del Canale di Panama) al Canale di Beagle (interno all'arcipelago della Terra del Fuoco) e al Canale di Drake (tratto di mare che separa capo Horn, l'estremità più meridionale dell'America Meridionale, e l'Antartide).

Il passaggio è considerato una rotta difficile da percorrere a causa del clima inospitale (con venti e correnti forti e difficili da prevedere) e della strettezza del passaggio.

Stuart Gray (cestista)

Stuart Allan Gray (Zona del Canale di Panama, 27 maggio 1963) è un ex cestista statunitense naturalizzato panamense, professionista nella NBA.

Zona del Canale di Panama

La Zona del Canale di Panama (in inglese Panama Canal Zone e in spagnolo Zona del Canal de Panamá) è una parte della repubblica di Panama che dal 1903 (in seguito al Trattato Hay-Bunau Varilla) fino al 1979 (in seguito ai Trattati Torrijos-Carter del 1977) è stata sotto la sovranità statunitense e contiene il Canale di Panamá. Dal 1979 al 1999 è stata sotto la sovranità congiunta statunitense-panamense. Dal 2000 è rientrata sotto la piena sovranità panamense. La zona era vasta 1.432 km², aveva propri francobolli e come moneta il dollaro statunitense. La zona era sorvegliata dalle forze armate statunitensi con unità terrestri, aeree e navali.

In altre lingue

This page is based on a Wikipedia article written by authors (here).
Text is available under the CC BY-SA 3.0 license; additional terms may apply.
Images, videos and audio are available under their respective licenses.