1018

Il 1018 (MXVIII in numeri romani) è un anno dell'XI secolo.

1018 negli altri calendari
Calendario gregoriano 1018
Ab Urbe condita 1771 (MDCCLXXI)
Calendario armeno 466 — 467
Calendario bengalese 424 — 425
Calendario berbero 1968
Calendario bizantino 6526 — 6527
Calendario buddhista 1562
Calendario cinese 3714 — 3715
Calendario copto 734 — 735
Calendario ebraico 4777 — 4778
Calendario etiopico 1010 — 1011
Calendario induista
Vikram Samvat
Shaka Samvat
Kali Yuga

1073 — 1074
940 — 941
4119 — 4120
Calendario islamico 408 — 409
Calendario persiano 396 — 397

Eventi

Nati

Morti

Calendario

Calendario 1018
  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10   11 12 13 14 15 16 17 18 19 20   21 22 23 24 25 26 27 28 29 30   31
Gennaio Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve  
Febbraio Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve      
Marzo Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu  
Aprile Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me  
Maggio Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa  
Giugno Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu  
Luglio Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi  
Agosto Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do  
Settembre    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma  
Ottobre Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve  
Novembre Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do  
Dicembre Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me  

Altri progetti

Altri progetti

1096

Il 1096 (MXCVI in numeri romani) è un anno bisestile dell'XI secolo.

CANT Z.1018

Il CANT Z.1018 Leone è stato un Bombardiere medio italiano della Seconda guerra mondiale.

Il progetto fu opera di Filippo Zappata, che lo concepì come miglioramento dei suoi precedenti CANT Z.1007 e CANT Z.1015 dai quali però, non riprese la formula trimotore.

L'aereo, dalla linea snella, pulita, dotato di eccellenti prestazioni e ottime qualità di volo, avrebbe potuto essere il suo capolavoro, nonché uno dei migliori bombardieri medi della guerra ma, nonostante fosse stato impostato con largo anticipo rispetto allo scoppio di questa, una successione di ritardi nel suo sviluppo, dovuti in larga parte alla miopia della Regia Aeronautica, ma anche all'impreparazione dei Cantieri Riuniti dell'Adriatico, ancora impegnati nella costruzione del CANT Z.1007, ad intraprendere su larga scala la costruzione di aerei di struttura metallica, fecero sì che i primi esemplari di serie raggiungessero i reparti di volo solo poche settimane prima dell'armistizio.

Carica elettrica

La carica elettrica, in fisica, è una grandezza fisica scalare dotata di segno, ed è una proprietà fondamentale della materia. La carica elettrica è un tipo di carica ed è responsabile dell'interazione elettromagnetica, essendo sorgente del campo elettromagnetico.

È una grandezza quantizzata, ossia essa esiste solo in forma di multipli di una quantità fondamentale: la carica dell'elettrone, che è definita come negativa ed indicata con −e. Nel Sistema internazionale di unità di misura l'unità di carica è il Coulomb che corrisponde a circa 6,24 × 1018  elettroni. Un elettrone possiede una carica il cui valore, inizialmente determinato da Robert Andrews Millikan tra il 1910 e il 1917, è definito esattamente dal sistema internazionale nel 2019 come:

La carica di un protone, uno dei costituenti fondamentali del nucleo insieme al neutrone, viene considerata positiva ed indicata con +e.

Centi (prefisso)

Centi è un prefisso SI che esprime il fattore 10−2, cioè 1/100,

un centesimo. Il suo simbolo è c.

È stato adottato nel 1795 dalla Conférence Générale des Poids et Mesures.

Deriva dalla parola latina centum, cento.

Cesare (titolo)

Cesare (latino: Cæsar) è un titolo attribuito ad una persona di dignità imperiale, che trae le sue origini dal cognomen di Gaio Giulio Cesare (Gaius Iulius Cæsar).

Nella forma originale il titolo fu in uso nell'Impero romano, nell'Impero bizantino e nell'Impero ottomano (qaysar-ı Rum, "Cesare dei Romei", era uno dei titoli del Sultano). La variante Zar fu invece utilizzata nell'Impero bulgaro (913-1018, 1185-1422 e nella Bulgaria del 1908-1946), nell'Impero russo e in Serbia (1346-1371), mentre in quelli austriaco e tedesco il titolo prese la forma di Kaiser (dal greco Καίσαρ, Kaisar). Nell'uso comune il termine può essere usato come sinonimo di imperatore.

Gonzalo di Ribagorza

Gonzalo I di Ribagorza, Gonzalo in spagnolo, in basco, in aragonese, in asturiano, in galiziano e in portoghese e Gonçal, in catalano (1018 circa – Monclus, 26 giugno 1045), è stato un sovrano spagnolo, proclamato re delle contee di Sobrarbe e di Ribagorza (1035-1045).

Ivan Vladislav di Bulgaria

Ivan Vladislav di Bulgaria (977(presumibile) – Durazzo, febbraio 1018) fu Zar della Bulgaria dal 1015 al 1018.

L'anno preciso della sua nascita è ignoto, ma si presume che sia nato circa un decennio prima del 987. Nel periodo precedente dell'ascesa al trono dello zio Samuele di Bulgaria o in quello immediatamente successivo Ivan e tutta la sua famiglia vennero condannati a morte per tradimento e solo l'intervento del cugino Gavril Radomir gli salvò la vita. Quando Gavril successe al padre nel 1014 rimase al trono per un anno solo perché nel 1015 Ivan lo assassinò e gli succedette al trono. A causa delle disperate condizioni in cui versava il paese a seguito della guerra sostenuta contro l'Impero bizantino egli cercò di negoziare una tregua con l'imperatore Basilio II Bulgaroctono. A seguito del fallimento delle trattative egli cercò di resistere tentando vanamente di respingere i bizantini entro i loro confini. Durante il suo regno Ivan cercò di rimettere in piedi l'esercito, di ricostruire molte delle fortezze del paese e di portare avanti una contro-offensiva, ma trovò presto la morte alla battaglia di Durazzo del febbraio 1018. Alla sua morte sua vedova Maria, i patriarchi e molti nobili locali si arresero definitivamente a Basilio che ben presto riuscì a porre fine a ogni sacca di resistenza ponendo fine al Primo impero bulgaro.

Ivan lasciò dietro di sé un ricordo variegato, chi lo considerava nient'altro che un volgare assassino, chi un eroe che difese il paese al meglio delle sue possibilità e i suoi discendenti entrarono nei ranghi della nobiltà bizantina finendo per assurgere ai più alti gradi della Ierocrazia. Due donne della sua famiglia divennero imperatrici, mentre altri fecero carriera nell'esercito. Ivan è un antenato di Giovanni II Comneno

Michele Psello

Michele Costantino Psello (greco: Μιχαήλ Ψελλός; latino: Michaël Psellus; Costantinopoli, 1018 – Costantinopoli, 1096) è stato un filosofo, scrittore, politico e storico bizantino.

Milli (prefisso)

Milli è un prefisso SI che esprime il fattore 10−3, ovvero 1/1000, un millesimo. Il suo simbolo è m.È stato adottato fin dal 1795 dalla Convention du Mètre. Deriva dalla parola latina mille.

Quasiparticella

In fisica, la quasiparticella è una entità di tipo particellare che è possibile identificare in sistemi fisici contenenti particelle interagenti. La quasiparticella può essere pensata come l'insieme della particella singola e della circostante nuvola (da cui anche il termine sinonimo di particella vestita) costituita da altre particelle, spinte via o trascinate dalla particella nel suo moto attraverso il sistema. Quindi l'intera entità può essere considerata come una particella effettiva libera (non interagente).

Il concetto di quasiparticella, dovuto a Lev D. Landau, è uno dei più importanti della fisica della materia condensata. Attraverso tale concetto è possibile infatti semplificare il problema a molti corpi della meccanica quantistica. Le equazioni che regolano la dinamica delle quasiparticelle sono normalmente più semplici delle equazioni che regolano la dinamica delle sottostanti particelle interagenti.

Il concetto di quasiparticella è stato poi successivamente esteso a indicare, più in generale, un'eccitazione di un sistema a materia condensata, sia essa di tipo a particella singola, come nel significato originario di quasiparticella; sia implicante 2 o più particelle; sia una eccitazione di tipo collettivo, ossia coinvolgente tutte le particelle del sistema.

La nozione di quasiparticella fu introdotta a causa dell'impossibilità di descrivere direttamente ogni singola particella di un sistema macroscopico: per dare un'idea della loro numerosità, un granello di sabbia appena visibile (0,1 mm) contiene 1017 nuclei e 1018 elettroni. Ognuna di questi nuclei ed elettroni esercita una forza di attrazione o repulsione secondo la Legge di Coulomb. L'equazione di Schrödinger descrive e permetterebbe di prevedere teoricamente il comportamento di questo sistema; tuttavia, risulta impossibile risolvere con gli strumenti e i metodi di calcolo attuali una siffatta equazione differenziale alle derivate parziali definita in uno spazio di 3×1018 dimensioni (pari al prodotto numero di coordinate (x,y,z) per il numero di particelle).

Come per gli altri sistemi quantistici, esistono uno stato fondamentale e vari stati eccitati, di cui sono rilevanti solamente quelli con energia prossima allo stato fondamentale: la distribuzione di Boltzmann stabilisce che, a parità di temperatura, le fluttuazioni termiche più alte sono quelle meno probabili. Gli stati eccitati dei livello più bassi possono contenere un numero arbitrario di eccitazioni elementari (fononi, quasiparticelle, ed eccitazioni collettive).

Satelliti naturali di Urano

Il pianeta Urano possiede un complesso sistema di satelliti naturali; quelli scoperti fino ad oggi (2011) sono ventisette.

Diversamente dalle altre lune dei pianeti del sistema solare i cui nomi sono tratti da personaggi della mitologia greca, i nomi dei satelliti uraniani provengono da opere dei poeti inglesi William Shakespeare ed Alexander Pope.

Fra il 1994 ed il dicembre 2005 molte orbite dei satelliti di Urano sono variate, come è stato possibile desumere dal confronto dei dati raccolti mediante il telescopio spaziale Hubble con le osservazioni del programma Voyager. Sembra che un processo casuale determini un continuo scambio di energia e momento angolare tra le lune. Secondo i calcoli le lune di Urano dovrebbero arrivare ad una collisione ogni pochi milioni di anni, un tempo straordinariamente breve rispetto ai 4,5 miliardi di anni di vita del sistema solare. Il sistema di satelliti di Urano si dimostra così molto giovane e instabile; gli scienziati pensano di utilizzarlo come modello per studiare la formazione ed il mantenimento di un sistema planetario.

I satelliti di Urano possono essere a grandi linee distinti in due gruppi, i satelliti regolari e gli irregolari, a seconda del tipo di orbita e della loro origine.

I due ultimi satelliti scoperti sono Mab e Cupido, che sono stati scoperti nell'agosto del 2003.

Sovrani di Bulgaria

Questa è una lista dei sovrani di Bulgaria a partire dalle prime menzioni scritte fino al 1946, anno in cui la monarchia fu abolita.

Sovrani di Danimarca

Questo è un elenco dei monarchi danesi, ovvero, dei Re e Regine regnanti di Danimarca, inclusi i reggenti dell'Unione di Kalmar. Questi includono:

Il Regno di Danimarca (sino al 1396)

L'Unione personale di Danimarca e Norvegia (1380-1396)

L'Unione di Kalmar (1397-1536)

Re di Danimarca pretendenti (talvolta con successo) al Regno di Svezia (1397-1523)

Re di Danimarca pretendenti (generalmente con successo) al Regno di Norvegia (1397-1536)

Il Regno di Danimarca (1536 fino a oggi)

Il Regno di Danimarca-Norvegia (1536-1814)

con l'Islanda (1536-1918, e in unione personale 1918-1944)

con la Groenlandia

con le Isole Fær ØerGorm il Vecchio è il primo monarca di cui si è certi che fu una persona realmente esistita. Tutti i regni prima di lui sono dubbi. La Danimarca ha una delle linee di successione non interrotte più lunga del mondo, seconda solo a quella degli Imperatori del Giappone.

Il Casato degli Oldenburg regna sulla Danimarca dal 1448. Il ramo principale si è estinto nel 1863, quando gli è subentrato quello collaterale di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg. Il regno è stato elettivo fino al 1660. Fino al 1864 formava un'unione personale con i ducati dello Schleswig e dell'Holstein.

Tietmaro di Merseburgo

Tietmaro di Merseburgo, chiamato anche Titmaro di Merseburgo, (25 luglio 975 – Merseburg, 1º dicembre 1018) è stato uno storico e vescovo tedesco. Fu l'autore del Chronicon, una delle principali fonti dell'epoca ottoniana.

Triliardo

Il triliardo è il numero naturale che equivale a mille miliardi di miliardi (1 000 000 000 000 000 000 000 o 1021), segue 999 999 999 999 999 999 999 e precede 1 000 000 000 000 000 000 001. Nel Sistema Internazionale, il prefisso per il triliardo è zetta, il cui simbolo è Z.

L'ordinale corrispondente è triliardesimo.

Negli Stati Uniti e nel mondo anglosassone in genere equivale al "Sextillion", ossia 1000 trilioni (1 000 × 1018 = 1021).

Trilione

Un trilione è il numero naturale che equivale a un milione di bilioni, cioè un miliardo di miliardi, ossia un milione alla terza (1 000 000 000 000 000 000 o 1018), succede il 999 999 999 999 999 999 e precede il 1 000 000 000 000 000 001. Il trilione equivale anche a un milionesimo di quadrilione. Nel Sistema Internazionale il prefisso per il trilione è exa.

Negli Stati Uniti e nel mondo anglosassone in genere trillion equivale a 1000 miliardi (uguale a 1012, ovvero il nostro bilione).

VdB 149

vdB 149 è una nebulosa a riflessione visibile nella costellazione di Cefeo.

Si trova a circa un quarto sulla linea che congiunge le stelle Alfirk (β Cephei) e Alrai (γ Cephei), in una regione ricca di nubi molecolari oscure; in particolare, vdB 149 sembra faccia parte della grande nebulosa oscura LDN 1235, sebbene degli studi sulla velocità radiale indichino che si troverebbe nella sua direzione solo per un effetto prospettico. La stella responsabile dell'illuminazione della regione è BD+72 1018, una stella bianco-azzurra di sequenza principale di classe spettrale B8V, che imprime ai gas e alle polveri da essa illuminati un colore marcatamente bluastro, surriscaldandoli debolmente e facendo loro emettere radiazione infrarossa, osservata anche dall'IRAS; la sua parallasse, misurata in 3,20±0,63 mas, cui corrisponde una distanza di circa 312 parsec (1019 anni luce), indicherebbe al contrario una distanza simile a quella di vdB 150, visibile poco più a nord e sicuramente facente parte della nebulosa LDN 1235. La stella arancione di settima magnitudine HD 210615, visibile poco a sud di vdB 149, non fa parte della regione, trovandosi più in primo piano.

La nebulosa che comprende questa e la vicina vdB 150, LDN 1235 è probabilmente una cosiddetta nebulosa a emissione rossa, ossia una nube posta alle alte latitudini galattiche che diventa visibile grazie al campo di radiazione interstellare, con una bassa luminosità superficiale e dunque dall'aspetto oscuro se osservata nella banda della luce visibile.

Vitale Candiano

Vitale Candiano (... – 1018) è stato un politico italiano, 24º doge della Repubblica di Venezia dal 978 al 979.

XI secolo

L'XI secolo inizia nell'anno 1001 e termina nell'anno 1100 incluso.

In altre lingue

This page is based on a Wikipedia article written by authors (here).
Text is available under the CC BY-SA 3.0 license; additional terms may apply.
Images, videos and audio are available under their respective licenses.