Mari Egeiu

U mari Egeiu (o Mare Egeu) (in grecu: Αιγαίο Πέλαγος, Egeiu Pilagos, in turcu: Egi Dinizi) hè un mari di u mari Tarraniu situatu trà a parti miridiunali di a penisula balcanica è quidda uccidintali di l'Anatolia. À nordestu hè cunnessu incù u mari di Marmara è dinò incù u mari Neru à traversu u strettu di i Dardaneddi è u Busforu. L'isuli egei si trovani à u so internu, mentri hè dilimitatu à sudu da l'isuli di Creta è Rodi. L'Egeiu hè una di i novi rigioni giugrafichi di a Grecia. Hè suddivisu in dui rigioni amministrativi, l'Egeiu Sittintriunali è l'Egeiu Miridiunali chì à livanti cunfineghjani incù u statu turcu. L'Egeiu bagna ancu i costi uccidintali di a Turchia, suddivisi amministrativamenti in novi pruvinci chì custituiscini a rigioni egeia. A zona sittintriunali di u Mar' Egeiu à nordu di u 40º parallelu, hè ditta Mari di Tracia. U mari era tradiziunalamenti cunnisciutu cù u nomu di Arcipelagu (in grecu, Αρχιπέλαγος), nomu incù u quali dopu si inditavani l'isuli di u mari è in seguitu passò à indicà ogni gruppu d'isuli, datu chì u mari Egeiu hè notu par a grandi quantità d'isuli è arcipelaghi.

Coordinates: Template:Coord/input/d

Aegean Sea map-it
Carta dittagliata
Aegean Sea by Piri Reis
Carta storica di u mari Egeiu di Piri Reis

Etimulugia

À tempi antichi funi pruposti parechji spiigazioni à u nomu Egeiu. Si dicia chì saristi statu numinatu cusì par a cità greca di Aigai (Egi), o par Egeiu, un rè, patri di Teseiu, chì pinsendu chì u figliolu fussi mortu si ghjittò in mari. I dei cumpassiunevuli detini à u mari u so nomu, o Aigaion, "mari di i capri", un antru nomu di Briareu, unu di l'antichi ecatonchiri, o, spicialamenti trà l'atinesi, par Egeiu, u babbu di Teseiu, chì si ghjittò in mari quandu viditi a navi di u figliu incù i veli neri, postu ch'è cridia chì l'eroi fussi mortu circhendu di purtà à tarmini a so missioni. In rialità Teseiu avia solu sminticatu di issà veli bianchi, chì avariani inveci simbulizatu a bona riescita di l'impresa. Una pussibuli etimulugia diriva da u grecu αἶγες - aiges = "onda" (Esichiu di Alissandria; usu mitaforicu di αἴξ (aix) "capra"), da u quali "mari ondosu", si cunsidareghja ancu αἰγιαλός (aigialos) "costa". In bulgaru (a Bulgaria hà cunfinatu più volti in passatu incù u mari Egeiu) u mari hè notu ancu com'è mari Biancu (Бяло море, Bjalu mori, in grafia antica Бѣло море), in cuntrappusizioni à u mari Neru (Черно море). Quist'usu diriva da u turcu Ak Deniz (mari Biancu) è Kara Deniz (mari Neru), chì a so volta rifletti l'anticu usu in turcu di l' epiteti biancu hè neru par indicà u sudu è u nordu.

Storia

A linia di costa oghjinca ricodda circa à u 4000 a.C. Prima di tandu duranti u piccu di l'ultima era glaciali (circa 16000 a.C.) u liveddu di u mari era 130 metri più bassu, è ci erani larghi pianuri custieri à u postu di l'oghjincu mari Egeiu sittintriunali. Quandu ci si stalletini l'essari umani,l'isuli oghjinchi, inclusa Milu incù a so impurtanti pruduzioni d'ussidiana, erani prubabilamenti sempri cunnessi incù a terraferma. A forma generali di a linia custiera oghjinca apparischi circa in u 7000 a.C., mentri u liveddu di u mari post-era glaciali saristi cuntinuatu à ricuddà par altri 3000 anni. I civilisazioni succissivi di l'ità di u bronzu in Grecia è a so cunnissioni incù mari Egeiu ani datu urighjina à u tarmini generali di civilisazioni egeia. In i tempi antichi u mari fù u locu d'urighjina di dui antichi civilisazioni: a civilisazioni minoica a Creta è quidda micinea in u Pilupunnesu.

In seguitu surghjitini i cità statu (poleis) d'Atena è Sparta, trà i molti altri chì andavani à custituiscia l'aria d'influenza atinesa è a civilisazioni ellenica. Platonu discrivia i grechi chì viviani intornu à l'Egeiu "com'è ranochji intornu à unu stagnu". U mari Egeiu fù dopu invasu da i pirsiani è da i rumani, amministratu in seguitu da l'imperu bizantinu, da i viniziani, cunquistatu da i turchi silgiuchidi è da l'imperu uttumanu finu à a risurrizioni greca di u 1821 di a quali fù tiatru impurtanti. L'Egeiu fù u locu d'urighjina di a dimucrazia è ancu quiddu di a civilisazioni ellenica, è i so rotti funi i vii di cuntattu trà varii civiltà diffarenti di u Meditarraniu uriintali.

Situazioni ecunomica è pulitica

Molti di l'isuli di u mari Egeiu ani porti è baii sicuri, è in u passatu a navigazioni à traversu u mari era più simplici ch'è viaghjà à traversu u tarrenu accidintatu di a terraferma greca è di l'Asia Minori. Annantu à l'altri isuli sò estratti u marmaru è u farru. L'isuli più grandi ani certi vaddi firtili è pianuri in genaru custieri. L'isuli di u mari Egeiu, 1 415 trà isuli è isulotti, appartenini in a guasi tutalità à a Grecia è solu dui isuli appartenini à a Turchia: Tinedu (in turcu: Buzcaada, in grecu: Τένεδος) è Imbru (in turcu: Gökçiada, in grecu: Ίμβρος).

Situazioni fisiugrafica

U mari Egeiu copri un'aria di circa 214 000 km², è misura circa 610 km in longitudina è 300 km in latitudina. A prufundità massima hè 3 543 m à u largu di a costa uriintali di Creta. L'isuli egei si trovani in i so acqui, incù i siguenti isuli chì dilimiteghjani u mari à sudu (da punenti versu livanti): Cirigu, Cirigottu, Creta, Casu, Scarpantu è Rodi. L'isuli di u mari Egeiu poni essa divisi in setti gruppi:

  • Isuli di l'Egeiu sittintriunali
  • Eubea
  • Spuradi sittintriunali
  • Cicladi
  • Isuli di u golfu Argusarunicu
  • Spuradi miridiunali, chì cumprendini u Dudicanesu
  • Creta.

A parola arcipelagu era applicata in urighjina à u mari Egeiu è à i so isuli. Molti di l'isuli egei o di i cateni d'isuli sò in effetti estinsioni di i cateni muntosi di a terraferma. Una catena si stendi à traversu u mari finu à Chiu, un'antra si stendi à traversu l'isula di Eubea finu a Samu, è una terza si stendi à traversu u Pilupunnesu è Creta finu à Rodi, dividendu l'Egeiu da u Mari Tarraniu. L'insinaturi di l'Egeiu cumincendu da sudu è muvendu si in sensu urariu includini annantu à a Creta, u golfu di Mirabedda, a baia d'Almyros, a baia di Souda è u golfu di Canea, mentri versu a terraferma si trovani u mari di Myrtoön à punenti, u golfu Sarunicu à nordupunenti, u golfu di Pitali, da u quali si entri in u golfu miridiunali di Eubea, u golfu di Volos, da u quali si entri in u golfu sittintriunali di Eubea, u golfu di Saluniccu à nordestu, a penisula di Calcidica, chì includi i golfi di Cassandra è di u Monti Athos, à nordu u golfu di Orfani è a baia di Kavala; i ristanti insinaturi si trovani in Turchia: u golfu di Saros, u golfu di Edremit, u golfu di Dikili, u golfu di Çandarlı, u golfu di Smirni, u golfu di Kuşadası, u golfu di Gökova è u golfu di Güddük.

Situazioni idrugrafica è idruchimica

L'acqui supirficiali di u mari Egeiu si movini in sensu antiurariu, incù l'acqui à salinità supiriori di u Mari Tarraniu chì si movini versu u nordu longu a costa uccidintali di a Turchia prima d'essa dispersi da u flussu d'acqua menu densu pruvinienti da u mari Neru. A densa acqua di u Mari Tarraniu scendi in prufundità sottu u flussu di u mari Neru à circa 23-30 m è scorri cusì à traversu u strettu di i Dardaneddi drentu u mari di Marmara à una vilucità di 5-15 cm/s. U flussu in isciuta da u mari Neru scorri versu punenti longu i costi sittintriunali di a Grecia. L'ucianugrafia fisica di u mari Egeiu hè cuntrullata soprattuttu da u clima rigiunali, da l'intruduzioni d'acqui freschi da i grandi fiuma chì scorrini in l'Auropa suduriintali è da i variazioni staghjunali in u currenti supirficiali pruvinenti da u mari Neru. L'analisi di u mari Egeiu duranti u 1991 è u 1992 ani rivilatu trè massi d'acqua distinti:

  • Acqui egei di supirficii - di 40 - 50 m di spissori, incù tampiraturi estivi di 21-26 °C è tampiraturi invirnali chì varieghjani da 10 °C à u nordu à i 16 °C di u sudu.
  • Acqui egei intirmedii - si stendini da i 40-50 m à i 200-300 m incù tampiraturi uscillanti trà i 11 °C è i 18 °C.
  • Acqui egei di prufundità - si stendini à u di sottu di i 20-300 m incù tampiraturi (13-14 °C) è salinità (39,1-39,2%) uniformi.

Da veda

Egeiu

Egeiu (grecu: Αἰγεύς (Aigeus), latinu: AEgeius), figliu di Pandioni, fù un rè miticu di Atena, patri di Teseiu. À a morti di Pandioni, Egeiu è i so frateddi presini u cuntrollu di Atena da Metioni, chì a so volta avia strappatu u tronu à Pandioni. Tandu eddi divisini u guvernu in quattru ma Egeiu divintò rè. A so prima moglia fù Meta è a siconda fù Calciopi. Sempri senza un eredi masciu, Egeiu chersi cunsigliu à l'oraculu di Delfi. I so criptichi paroli funi: "Teni chjusu u to otru di vinu finch'è ùn avarè righjuntu u puntu più altu di a cità di Atena, altrimenti un ghjornu ni murarè di dulori". Egeiu si ricò à Trezeni induva incuntrò Etra, figlia di u rè di Trezeni Pitteu. Pitteu cumpresi a prufezia è prisintò Egeiu à a figlia Etra dopu avè lu fattu imbriacà. I dui ebbini un rapportu è cusì, in certi virsioni, Etra si ghjittò in mari à Poros è feci sessu incù Puseidonu. Quandu firmò incinta, Egeiu dicisi di vultà à Atena. Prima di parta, nascosi i so calzari, u scudu è a spada sottu una roccia, è dissi à Etra chì quandu u so figliu saristi crisciutu, avaristi divutu spustà a petra è ripurtà à daretu l'armi. À u so ritornu à Atena, Egeiu spusò Medea chì era fughjita da Corintu è da l'ira di i so abitanti. Egeiu è Medea ebbini un figliu di nomu Medu. À Trezeni, Teseiu crisciti è divintò un ghjovanu curaghjosu. Riiscì à spustà a roccia è à ricuparà l'armi di u patri. A so matri li dissi cusì a virità annantu à quali fù u so patri è annantu à com'è avaristi divutu ripurtà li l'armi. Teseiu dicisi di andà à Atena è duviti sceglia si ci andava par mari, chì era a via più sicura, o par terra, suvitendu un parcorsu priculosu, infistatu da latri è banditi. Ghjovanu, curaghjosu è ambiziosu, Teseiu dicisi di andà à Atena par a via di terra. Quandu Teseiu arrivò, ùn svilò a so vera idantità. Fù accoltu da Egeiu, chì era suspittosu di u stranieri ghjuntu à Atena. Medea circò di fà chì Egeiu uccidissi Teseiu chirendu li di catturà u toru di Maratona, ma Teseiu riiscì in l'impresa. Medea tentò tandu di avvilanà lu, ma à l'ultimu istanti, Egeiu ricunniscì i calzari, u scudu è a spada è strappò u calici di vinu da a manu di Teseiu. Patri è figliu si erani riuniti. Mentri ch'eddu visitava Atena, Androgeu, figliolu di u rè Minossu, riiscì duranti una festa à batta à Egeiu in ogni cumpetizioni. Egeiu, ghjilosu, l'uccisi. Minossu infuriatu dichjarò a guerra à Atena. Uffrì quantunqua a paci à l'atinesi, à pattu chì quisti inviessini ogni annu à Creta setti ghjovani omini è setti ghjovani donni, da offra in sacrifiziu à u Minotauru. Quissa andò dopu finu à quandu Teseiu uccisi u Minotauru incù l'aiutu di Arianna, figlia di Minossu. Egeiu avia dittu à Teseiu, prima ch'eddu partissi, di issà i veli bianchi à a partenza da Creta, s'eddu avissi risciutu à scunfighja u Minotauru. Teseiu si sminticò (deliberatamenti sicondu certi virsioni) è Egeiu si ghjittò in mari quandu vidì i veli neri avvicinà si à Atena, in l'errata cunvinzioni chì u so figliu fussi statu uccisu, cumpiendu cusì a prufezia. Par via di cunsiquenza, u mari in u quali si ghjittò divintò notu com'è Mar' Egeiu. À i pendici suduccidintali di l'acropoli di Atena surghjia un picculu santuariu (di u quali rimanini solu scarsissimi tracci) didicatu à Egeiu.

Etruschi

L' Etruschi funi un populu di l'Italia antica chì accupava un'aria dinuminata Etruria, currispundenti à l'incirca à a Tuscana, à l'Umbria finu à u fiumu Tibaru è à u Laziu sittintriunali, incù un' estinsioni in Liguria è versu a zona padana di l'Emilia-Rumagna è di a Lumbardia, à parta da l'VIII seculu a.C..

In a so lingua si chjamavani Rasenna o Rasna, in grecu Tyrsenoi (in ionicu è in atticu anticu: Τυρσηνοί, Türsenòi; doricu: Τυρσανοί, Türsanòi, tremindù cù u significatu di "Tirreni" è dopu "Etruschi" o "Tusci", abitanti di a Τυρσηνίη, Türsenìe, "Etruria").A civiltà etrusca, ritinuta da parechji studii com'è discindenti di a cultura villanuviana, fiurì à parta da u X seculu a.C. è fù difinitivamenti inglubata in a civiltà rumana, influinzata da l'etruschi, à u terminu di u I seculu a.C. Stu longu prucessu di cunquista è assimilazioni culturali cuminciò incù a data tradiziunali di a cunquista di Veio par opara di i rumani in 396 a.C..

Mari Tarraniu

U Mari Tarraniu (o Mare Terraniu) hè un mari intercuntinintali situatu trà Auropa, Africa è Asia. A so superficia apprussimativa hè di 2,51 milioni di km² ed hà un sviluppu massimu longu i paralleli di circa 3 700 km. A lunghezza tutali di i so costi hè di 46 000 km, a prufundità media essendu di circa 1 500 m, mentri quidda massima hè di 5 270 m vicinu à i costi di u Pelupunnesu. A salinità media ammonta da 36,2 à 39 ‰.

A pupulazioni prisenti in i Stati bagnati da i so acqui ammonta à circa 450 milioni di parsoni. Sicondu a sturiugrafia hè tradiziunalamenti cunsidaratu, à tempu cù u Prossimu Urienti è à u Mediu Urienti, com'è a culla di a civiltà uccidintali à parta da u mondu anticu. Ci sfocia u fiumu più longu di u mondu: u Nilu.

Mari neru

U Mari Neru (o Mare Neru) hè un mari internu di u bacinu di l'Oceanu Atlanticu, situatu trà l'Auropa sudu-Oriintali è l'Asia Minori. Hè culligatu à u Mari d'Azov par via di u Strettu di Kerč è di u Bosforu, inveci, à u Mari di Marmara, chì à so volta, par via di u Strettu di i Dardaneddi, hè culligatu incù u Mari Egeiu chì faci parti di u Mari Tarraniu. I flussi d'acqua in intrata, à traversu u Bosforu, sò di circa 200 km³ à l'annu. U so bacinu embriferu hè moltu ampiu (2 milioni di km²); da l'arii circustanti ricevi acqui dolci par un tutali di circa 320 km3 à l'annu. I fiuma più impurtanti chì ci si sfociani sò u Danubiu, u Dnepr è u Buh Miridiunali. A so superficia hè para à circa 436.400 km² (escludendu u Mar' d'Azov) incù una salinità para à circa u 17‰. In prufundità, oltri i 150 m, stu valori aumenta drasticamenti. U puntu più prufondu si trova à 2212 m, mentri in u centru a prufundità hè di circa 1830 m.

Milu

Milu (in grecu Μήλος - Mìlosi ) hè un' isula greca di u Mari Egeiu d'urighjina vulcanica, chì si trova in l'angulu sudu-uccidintali di l'arcipelagu di i Cicladi.

Milu hà una longa storia è cunserva tistimunianzi minoichi, ellinistichi, rumani è bizantini.

Amministrativamenti hè una cumuna di a periferia di l'Egeiu Miridiunali (unità periferica di Milu). A maiò parti di a pupulazioni di Milu stà in a parti nordu-uriintali induva si trovani i paesi di Plaka (chì hè u capilocu di l'isula), Tripiti, Pollonia è Adamas, u portu principali di l'isula ind'eddi partini è ghjunghjini i traghetti. U restu di l'isula hè inveci guasi privu d'insidiamenti umani, ùn ci sò micca stradi asfaltati è calchì volta i spiaghji sò raghjunghjibuli solu da u mari.

Ussidiana

L' ussidiana (o ossidiana) hè una rocca vulcanica vitrosa è ricca in silicia. Di culori grisgiu, verdi scuru, rossu o neru, hè isciuta di una lava acida (tipu riolita). A vitrificazioni in massa hè resa pussibuli da u forti gradu di pulimerisazioni di a lava. 'Ssu finominu ùn hà nienti à veda incù l'urlaturi intustati di uni pochi di millimitri à uni pochi di centimi ussirvati annantu à i lavi basichi (filona, pillows lavi) par i quali a vitrificazioni hè divuta à un raffriddamentu rapitu di a lava (cuntattu incù un forti fretu o incù l'acqua).

U so nomu vinaria da Obsius, un parsunaghju di a Roma antica chì avaria signalatu u prima a prisenza di 'ssa rocca, in Etiupia.

In altre lingue

This page is based on a Wikipedia article written by authors (here).
Text is available under the CC BY-SA 3.0 license; additional terms may apply.
Images, videos and audio are available under their respective licenses.